Writers, 24 e 25 novembre ai Frigoriferi milanesi

di Redazione The Freak

Writers, 24 e 25 novembre ai Frigoriferi milanesi

di Redazione The Freak

Writers, 24 e 25 novembre ai Frigoriferi milanesi

di Redazione The Freak
6 minuti di lettura

1 PRANZO E 2 CENE D’AUTORE, 3 SEQUESTRI, 4 DOCUMENTARI, 5 MOSTRE, 10 ESORDIENTI

40 SCRITTORI CHE (SI) RACCONTANO

UNA LIBRERIA LUNGA 43 METRI, BUONA MUSICA E OTTIMO VINO

SUCCEDE A WRITERS,

SABATO 24 E DOMENICA 25 NOVEMBRE,

AI FRIGORIFERI MILANESI

WRITERS #0. Gli scrittori (si) raccontano, è un variopinto incontro di scrittori e poeti, attori e  musicisti che animerà  gli  spazi  dei Frigoriferi Milanesi, in Via Piranesi 10, inventandosi modi  diversi di avvicinare pubblico e lettori, partendo dalle risorse di spazio e tesori del luogo, ricco di  suggestioni e di storia, fusione di arte, manualità e cultura.

Non un festival, non una fiera, non la classica presentazione di libri, WRITERS offre al suo pubblico  una forma più intima d’incontro con gli autori, che (si) raccontano in luoghi inconsueti attraverso ciò  che più loro piace  –  un  quadro,  uno  strumento,  una  lettura,  un  suono,  un  cibo  –  mettendo  in  relazione linguaggi diversi e sparigliando la loro forma espressiva con agganci all’arte, alla musica, al  teatro, alla memoria di odori e sapori.

1200 metri quadri che coniugano tradizione e avanguardia, arte e cultura, verranno aperti al pubblico per un’occasione unica in cui letteratura e immagine si fondono: le parole escono dalle pagine scritte per diventare immagini, luci, suoni, video, fotografie, colori, reading musicali, performance teatrali, maratone di lettura, memorie gastronomiche. Si va dalla Cucina dei Frigoriferi Milanesi, dove tre autori si proporranno con un menù a loro particolarmente caro, ai Laboratori di restauro di Open Care che ospiteranno una scenografica mostra di Pop-Up. Dal vecchio e potente telescopio di Schiaparelli in restauro, sotto al quale rimirar le stelle con l’immaginazione, fin dentro il Caveau più grande d’Europa, che custodisce opere di inestimabile valore da riportare alla luce per l’occasione, con commento libero d’autore. E poi videoproiezioni e letture nella Sala Carroponte, dove il gancio del carroponte di un tempo per il trasporto dei blocchi di ghiaccio è rimasto spettatore; musica e un ricco bistrot con comodi angoli di

lettura nel Cubo, dove una volta c’erano i motori che ghiacciavano l’acqua; una lunga Galleria di libri, a cura della libreria Utopia, negli ex magazzini del ghiaccio.

Molti gli autori  presenti:  Cristina Alziati, Bruno Arpaia, Marco Baliani, Stefano Bartezzaghi, Alessandro Bertante,  Gianni Biondillo, Sandro  Bonvissuto, Mimmo Borrelli, Antonio Brizioli,  Matteo  Campagnoli, Francesco M. Cataluccio, Pietro Cheli, Enrico De Angelis,  Mario De Santis,  Igino Domanin,  Alba Donati, Luca Doninelli, Fulvio Ervas,  Giorgio Fontana,  Nicola Gardini, Giuseppe Genna, Helena Janeczek, Nicolai Lilin, Marco Malvaldi, Antonio Moresco, Bruno Osimo, Giacomo Papi,  Silvio Perrella, Steve Piccolo, Christian Raimo, Marco Revelli, Marco Rossari, Marco Rovelli, Irene Salvatori,  Alessandra Sarchi,  Luca  Scarlini,  Mariette Schiltz,  Antonio Scurati, Andrea Tarebbia, Filippo Tuena, Tenera Valse, Carlo Zanda e Giovanna Zucconi.

WRITERS dedica ampio spazio anche agli autori esordienti, partecipando con 5 appuntamenti all’iniziativa Bookup!–L’ora dell’esordiente. Ogni incontro vede protagonisti due nuovi scrittori a confronto,  accompagnati da  critici e giornalisti culturali: Giovanni Tizian  e  Stefano Piedimonte con Maurizio Matrone, Luigi Farrauto e Wainer Molteni con Marta Perego, Eleonora C. Caruso  e Francesco Zingoni  con  Annarita  Briganti, Giuseppe Miale Di Mauro e Sebastiano Mauri con Chicca Gagliardo, Ivano Porpora e Sarah Spinazzola con Alessandra Tedesco.

Un singolare corollario di iniziative collaterali completa il programma di WRITERS: una mostra di “popup”, curata da  Paolo Lutri  (scenografo  e  collezionista),  libri  oggetto  che  nulla  temono dall’avvento dell’e-book ma che anzi esaltano la poesia della carta quando si incontra con le storie, i disegni e la fantasia  (e  occasione  per  lanciare  un  appello di futura collaborazione tra artisti  e scrittori); la mostra fotografica Le Meraviglie di Alice, a cura di Roberto Mutti e promossa dal Dipartimento Art Side dell’Istituto Italiano di Fotografia (IIF),  viaggio dentro al libro di cui tutti conoscono l’esistenza ma che forse non tutti hanno letto; l’esposizione Ossi di Seppia, dedicata a Eugenio Montale, con foto di Ugo  Mulas, a cura dell’archivio Ugo Mulas; un contributo visivo di vignette di Pat Carra, ironica ambasciatrice per la lotta delle donne per la libertà; la pièce teatrale Nina, di Fabrizio Visconti e Rossella Rapisarda, breve e intenso monologo per due ispirato a Cechov;  lo spettacolo musicale dei  Favonio, con il loro tributo alla canzone  italiana  d’autore;

Pensare per immagini, la presentazione del numero  100  della  rivista  on  line  “Engramma”, diretta da Monica Centanni, con Stefano Bartezzaghi e altri autori; la mostra Pefura. If you can’t swim#0 , selezione di opere di piccolo formato dell’artista francese di origine camerunense Maurice Pefura a cura di Caterina Grimaldi, sull’ipertrofia delle periferie e le figurine magiche, di ispirazione voodoo, che proteggono lo spazio interiore; la proiezione di  quattro  documentari su altrettanti scrittori: l’inedito  La teoria della lumaca, di  Elena Fiorenzani, appassionata conversazione con Erri De Luca attorno alla sua storia e ai movimenti di lotta giovanili dal 1968 a oggi; Pablo vita di un poeta di Dario Baldi, lungometraggio dal sapore neorealista basato sulla vita di Pablo Neruda e messo in scena interamente con gente comune e persone di strada; l’anteprima

di  Diari Pisani. Capitolo 3: Marco Malvaldi, di  Maria Teresa Soldani; End and Beginning: Meeting  Wislawa Szymborska  (con  sottotitoli  in  italiano)  di  John Albert Jansen, divertente incontro con la grande poetessa polacca, premio Nobel per la letteratura, attraverso un viaggio nella sua Cracovia.

Il tutto sugellato dal ritratto inchiostro su carta di James Joyce con benda all’occhio che l’artista Massimo Kaufmann ha creato appositamente per WRITERS.

WRITERS nasce da un’idea di Frigoriferi Milanesi con Valentina  Aponte e Isabella Di Nolfo, con la collaborazione di Helena Janaczek, Arianna Letizia e Claudia Tarolo. L’edizione #0 di WRITERS comincia in piccolo, ma con grande fantasia e libertà, per restituire a chi ama leggere una dimensione di esperienza gioiosa e vitale, in un’atmosfera accogliente, conviviale e contemporanea.

I Frigoriferi Milanesi sono un luogo di incontro e di scambio dedicato all’arte e alla cultura. Nati nel 1899 come fabbrica del ghiaccio e magazzini refrigeranti, hanno più volte riconvertito la propria attività adattandosi alle esigenze dei tempi. Dal 2003 ospitano Open Care – Servizi per l’arte, la prima realtà europea a integrare tutte le attività necessarie alla gestione, conservazione e valorizzazione delle opere d’arte.  All’interno del complesso trova spazio anche  il  Palazzo del Ghiaccio, lo storico edificio in stile liberty nato nel 1923 come la più grande pista ghiaccio coperta d’Europa, oggi trasformato in spazio polifunzionale. Fa parte del comparto anche il bar e il ristorante La Cucina dei Frigoriferi Milanesi. Dopo l’importante intervento di ristrutturazione a cura dello studio di architettura 5+1AA, i Frigoriferi Milanesi ospitano mostre, incontri, presentazioni, proiezioni e concerti e sono diventati sede di varie realtà che, con caratteristiche diverse, operano a favore dell’arte e della cultura.

Sito: http://www.writersfestival.it/it/

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

Color Fest 9

Color Fest 9:
edizione da record

5 minuti di letturaColor Fest 9. Entertainment is business, scrive qualcuno sui cartelloni pubblicitari di Roma a Valle Giulia. Entertainment is business, a ricordare forte, con

LEGGI TUTTO
AFGHANISTAN-CONFLICT

Afghanistan:
20 anni di disfatta

7 minuti di lettura“Non ci sono possibilità che vediate persone che vengono evacuate dal tetto dell’ambasciata americana in Afghanistan”. Così, durante una conferenza stampa tenuta

LEGGI TUTTO