Volevo Nascondermi: un’esperienza cinestetica e totalizzante

di Alessandra Carrillo

Volevo Nascondermi: un’esperienza cinestetica e totalizzante

di Alessandra Carrillo

Volevo Nascondermi: un’esperienza cinestetica e totalizzante

di Alessandra Carrillo
2 minuti di lettura

Il film di Giorgio Diritti è un’immersione fisica nella vita e le opere di Antonio Ligabue, un Elio Germano meritato Orso d’Argento alla Berlinale 70



CINESTETICO: che basa la propria comprensione del mondo sulle sensazioni derivate da tatto, olfatto e gusto.

Il film di Giorgio Diritti è così: è un’esperienza fisica, di totale immersione. Senti l’odore della vestaglia della mamma, il gusto dei tubetti di colore, il contatto fisico con gli animali, con l’argilla. È la tela bianca in cui vibra la fierezza della tigre, il motore di una motocicletta da accarezzare, il calco vivo di una lapide che quasi ti toglie il respiro.

I colori vivi e forti di dipinti su campi lunghi, i quadri di solitudine e umanità su un ponte di Roma, le linee rette del rosso terra dell’Emilia Romagna risuonano nella fotografia di Matteo Cocco e nella color di contrasti di stacchi di Nazzareno Neri e uniscono l’esperienza visiva a sonorità acute e delicate, nei respiri e nelle pennellate: è così che la cinestesia si unisce all’esperienza visiva e auditiva che penetra attraverso le musiche di Marco Biscarini e Daniele Furlati. Totalizzante.

Elio Germano è un animale che vive nella natura che è il suo nascondiglio e che regala a Toni Ligabue occhi di dolore, paura e timida dolcezza in quella libertà, ricerca di vita profonda in un sogno di opulenza d’amore nella scoperta di figure femminili materne, pure (Orietta NotariFrancesca Manfredini) e talvolta incontrando chi a quella purezza non appartiene, colore vivace e spavaldo (Paola Lavini).

Duplicemente cinestetico e cine-estetico: questo film, scritto dallo stesso Diritti assieme a Tania Pedroni, è immersione totalizzante in un’opera d’arte che scava nell’inquietudine di una solitudine, del male dentro, di un rapace che guarda dritto e lascia i contorni sfocati.

Un film che il regista, la produzione Palomar e la distribuzione 01 Distribution hanno voluto al cinema sfidando tutto: un film che al cinema va visto, che non deve andare perso nei colpi di tosse, nascosto dentro un sacco di juta.

Appena potete, andatelo a vedere, anche se voleva nascondersi: è un respiro di vita, un urlo scomposto.

di Alessandra Carrillo, all rights reserved

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

AFGHANISTAN-CONFLICT

Afghanistan:
20 anni di disfatta

7 minuti di lettura “Non ci sono possibilità che vediate persone che vengono evacuate dal tetto dell’ambasciata americana in Afghanistan”. Così, durante una conferenza stampa

LEGGI TUTTO