VENNE L’AMORE

di Enrichetta Glave

VENNE L’AMORE

di Enrichetta Glave

VENNE L’AMORE

di Enrichetta Glave
1 minuti di lettura

Venne l’amore e ti rapì gli occhi
lucerne, splendore di taciti sorrisi.
Nudò i fianchi timidi di peccato
pallidi al sole nella stanza sul mare.
Quel mare nascosto dietro carezze di lacrime
e gemiti profani di gabbiani affamati.

Venne l’amore e ti morse la carne
cosparsa di sangue e odori sconosciuti.
Sulla brace s’infiamma il suo petto celeste
e smorta inaridisce la tua fronte sudata.

I cuori esalano il loro ultimo respiro
prima di un abbraccio téner fatale
troppo caldo da far sentire freddo
troppo vero da istigare promesse.

E mentre la giovinezza ricama menzogne
solo il presente sa mieter speranze.
E quando dai corpi s’allontana il pudore,
Il vizio li coglie, è Amore è Amore.

di Enrichetta Glave, all rights reserved

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati