Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

È appena terminato nell’assolata Firenze l’86° edizione del Pitti Uomo.

Possiamo aprire qualunque giornale per vedere una sciorinata di numeri, statistiche, nomi, commenti e previsioni, ma, è questa la notizia che nessuno osa apertamente divulgare, la vera attrattiva per chi va al Pitti è: vedere chi c’è al Pitti.

Per coloro che poco ne sanno o mai ci sono andati, c’è una rivelazione che vi attende: Pitti altro non è che una vetrina d’immagine per le future tendenze, da paragonare al pari delle sfilate uomo di Milano.
Da un po’ di anni, infatti, la maggior parte delle collezioni esposte sono purtroppo un po’ monotone, ripetitive e poco accattivanti, adatte magari alla vendita ma poco stimolanti per tutti gli addetti ai lavori.

Ma le persone… Le persone sono la vera fonte di richiamo per i buyers e non. In un mix di stili e colori sono molto più rinfrescanti di una limonata ghiacciata e molto più avvincenti di tutti gli stand. E il trend che maggiormente salta all’occhio questa stagione sono le stampe.

Pois, righe, fiori, giungle, geometrie e jacquard old style, per pantaloni, camicie, completi, bermuda o dettagli di borse, cravatte e pochette non c’è uomo, dal più classico al più estroso, che non si sia fatto coinvolgere dalla stampa mania.uomini-di-stampa-e-uomini-di-sostanza-la-vetr-L-3KN2LY

 

Uomini stampati in tutte le gamme colori che con il loro charme riempiono la soleggiata Fortezza da Basso rigorosamente muniti di occhiali da sole e barba, che quest’anno, in particolare, sembra che: più lunghe sono meglio è.

Pitti si incarna nel “Trattato della vita elegante” di Honorè de Balzac: “L’abbigliamento è, al tempo stesso, una scienza, un’arte, un’abitudine, un sentimento”, frase di cui sembra ne facciano motto tutti coloro che presenziano.

E anche se gli abbinamenti sembrino azzardati o persino confusi ad un occhio inesperto, danno un valore concreto e reale alla frase: “L’eleganza non consiste tanto nel vestito quanto nel modo di portarlo”, perché obbiettivamente guardare queste sfilate “alternative” è un piacere per gli occhi.

A cura di Martina Cotena.

Di seguito ti scrivo le fonti delle immagini:

vogue.it

officiel.it

highsnobiety.com

style.corriere.it

fuckingyoung.es

thesartorialist.com

Uomini di stampa e uomini di sostanza. La vetrina del Pitti Uomo ultima modifica: 2014-07-03T08:35:13+00:00 da Martina Cotena

Utilizziamo cookie analitici e di profilazione di terze parti per migliorare la tua esperienza di utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi