TRE ALBUM DA EVITARE, OVVERO FINE-ESTATE SECONDO THE FREAK

di Paolo Pugliese

TRE ALBUM DA EVITARE, OVVERO FINE-ESTATE SECONDO THE FREAK

di Paolo Pugliese

TRE ALBUM DA EVITARE, OVVERO FINE-ESTATE SECONDO THE FREAK

di Paolo Pugliese
3 minuti di lettura

Agosto si è ormai concluso, le temperature sono ormai più fresche in tutti Italia e conciliano i molti che riprendono a lavorare e quelli che, invece, sono impelagati con lo studio per la sessione di settembre (aka  tutti i cerchi dell’inferno dantesco compressi). Donald Trump, per parte sua, ci ricorda quotidianamente che una volta arrivati in fondo si può sempre iniziare a scavare.
Come reagire quindi a una tale infausta concomitanza di eventi? Ovviamente affidando alla musica il nostro sollievo! Siccome però l’estate porta in dote il triste fenomeno dei tormentoni, meglio affidarsi a una selezione di album assolutamente inadatti alle atmosfere da governo balneare agli sgoccioli, ma perfetti da abbinare con il fresco vento serale.

I Cani – Aurora

Progetto passato dall’anonimato totale su Youtube a riempire i principali palazzetti del Belpaese in pochi anni, Niccolò Contessa e i suoi hanno sfornato un lavoro indubbiamente di rilievo: maturati sia nelle melodie che nei testi e pur sfoggiando almeno un paio di singoloni perfetti per le atmosfere agostane, sotto la scorza di questo album si nascondono temi socio-culturali mischiati con un’inquietudine tagliente ma leggera, sottile ma pervicace.
Il racconto del post-post-moderno in una luce a tratti ironica quanto disperata, delicatamente eterea quando non velata di oppressione.
Quindi no, anche se in Calabi-Yau ci sono versi di gabbiani e risacca in sottofondo, non era proprio il caso di discuterne tra racchettoni e parmigiana di melanzane. Adesso, al fresco, siete in tempo per recuperare!AURORA-album-cover-i-cani

Guè Pequeno & Marracash – Santeria

Capitolo rap italiano: più puntuale di una procedura d’infrazione arriva il momento in cui, per sbaglio o per fine stronzaggine di qualcuno dei vostri amici, si apre la discussione sull’attuale quadro delle rime tricolore; trap sì, trap no, meglio prima o meglio ora.
Non potendosi dare una risposta univoca a domande di questo tipo, ci limitiamo ad analizzare un prodotto che fotografa bene lo stato dell’arte delle produzioni contemporanee, quindi sì alle atmosfere e al cantato oscuro made in Atlanta condite da abbondanti dosi di 808 ma senza dimenticare un (bel) po’ di prese in giro e critiche allo star-system della penisola. (vedesi Purdi e chi ha orecchie per intendere intenda)
Alcuni brani davvero riuscitissimi, ma che mal si coniugano con sole, allegria e gioia di vivere.
Giusto per intenderci: se questi sono stati i brani pompati sotto l’ombrellone, sarebbe stato meglio evitare e lasciarli lì dov’erano. Marracash-e-Gue-Pequeno-santeria-600x300

Anderson Paak – Malibu

Nel 1986 nasce Brandon Paak Anderson, metà sangue coreano e metà afroamericano . Nel 1993 assiste al brutale pestaggio di sua madre da parte di suo padre sul vialetto davanti a casa sua. Il suo Beatle preferito è Ringo, ha vissuto da senzatetto con la moglie e il figlio neonato, ha lavorato in una piantagione di marijuana e prima che la sua carriera solista spiccasse il volo è stato il protetto di Dr. Dre, mettendo la firma su quasi metà delle canzoni del suo album d’addio. Anderson-Park-Malibu-Cover-Billboard-650x650
Da questa breve introduzione potete capire come Anderson non sia “uno qualunque” e il suo ultimo lavoro, Malibu, lo dimostra appieno: un album che rifugge qualsiasi classificazione, pur con delle solide basi nell’R&B e nell’elettronica, privo di quei pezzi che garantiscono successo anche se il resto dell’album fa schifo ma pieno, stracolmo di qualità.
Provate a sedervi sulla sdraio, se siete ancora vicini alla spiaggia, o su qualunque divano che serve per farvi ambientare nuovamente nelle atmosfere domestiche…magari da soli, con le immancabili cuffiette e fate partire Silicon Valley: capirete, senza dire altro, di cosa si parla.

di Paolo Pugliese, all righs reserved

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

Borsellino

Da Borsellino
a Voghera

4 minuti di letturaIeri sera, quasi per sbaglio, in una calda serata di mezza estate e dopo una cena in buona compagnia, mi sono imbattuto

LEGGI TUTTO
Saman

Saman è un
delitto d’onore?

15 minuti di letturaIl delitto della giovane ragazza, Saman Abbas, di origine pakistane, ha avuto un fortissimo impatto sull’opinione pubblica e sollevato numerose questioni che

LEGGI TUTTO