Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

The neon demon, di Nicolas Winding

Quando l’aspirante modella di Jesse si trasferisce a Los Angeles, la sua giovinezza e la sua vitalità sono divorate da un gruppo di donne ossessionato dalla bellezza, che faranno di tutto per ottenere ciò che lei ha. index

Questo viaggio nel mondo della moda(cinema) americano è un mix di horror e commedia. Un mondo composto da un elitè di persone che vive, mangia, dorme e si accoppia tra di loro, una sorta di nuovo primo stato (se proprio vogliamo fare i fighi e sparare analogie storiche ricercate). La novità è la piccola Jessse, o meglio il suo corpo vergine (moralmente e fisicamente). Quando una novità irrompe in un ambiente saturo, fatto sempre delle solite facce e delle solite persone, è normale avere una serie di reazioni diverse. C’è chi idolatra il nuovo arrivato, chi vorrebbe mangiarlo vivo, chi lo odia, chi lo critica a morte, chi lo vorrebbe morto e chi vorrebbe essere lui. Sto parlando sia di Jesse, la giovane protagonista di Nicolas Winding Refn, il regista di questo strepitoso film, che alcuni anni fece irruzione nella scena hollywoodiana con il suo Drive. In questo film si diverte a prendere in giro un sistema che vorrebbe tanto fagocitarlo e farlo suo, ma lui gli danza intorno con il suo ghigno e la sua strafottenza, (si è anche creato un logo composto dalle sue iniziali), film piccoli e a basso budget quasi sempre autoprodotti,  così si tira dietro l’odio e l’invidia della cinematografia mondiale. È lui la freschezza che irrompe. Uno stile unico e inconfondibile. Come la piccola e innocente (sicuri?) Jesse. The neon Demon è stato accolto a Cannes, il più Glamour dei festival, con odio feroce, segnale che il film è ben riuscito.

Refn è un fantastico regista. Ha una cinematografia molto interessante e va vista tutta. Consiglio un bel recap delle sue opere, prima della visione della sua ultima fatica.

 

di Fabrizio Lucati, all rights reserved

THE NEON DEMON – VIDEORECENSIONE #NOSPOILER ultima modifica: 2016-06-15T08:51:54+00:00 da Fabrizio Lucati
Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

A proposito dell'autore

Nato miracolosamente sano pochi giorni dopo il disastro di Cernobyl, in una delle poche città italiane che può vantare una centrale nucleare, Fabrizio Lucati si affaccia al mondo del cinema grazie ai cofanetti VHS delle trilogie di Star Wars, Indiana Jones e Ritorno al Futuro. Durante l'infanzia sviluppa una vergognosa preferenza per il cinema di intrattenimento/pop/caciarone/blockbusteriano. I genitori infatti, usavano lasciarlo a via Umberto I a Latina, fronte Cinema Giacomini, per lo spettacolo delle 16.30 e lo venivano a riprende dopo tre ore, finito di fare la spesa e una passeggiata. Il ragazzino era infatti troppo rompi coglioni per essere portato in giro. Dopo il diploma in ragioneria si iscrive al DAMS per fare lo sceneggiatore, ma il DAMS non è pronto per accoglierlo, così lo lascia. Torna al primo grande amore, la contabilità. La sua brillantezza lo porta a lavorare nella capitale per l'acceleratore di startup LUISS ENLABS. Entra in the Freak come componente di redazione appartenente alle categorie protette.

Post correlati

Utilizziamo cookie analitici e di profilazione di terze parti per migliorare la tua esperienza di utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi