The Freak’s Cinema Collection: “Tu chiamale se vuoi….”

di Giulia Corigliano

The Freak’s Cinema Collection: “Tu chiamale se vuoi….”

di Giulia Corigliano

The Freak’s Cinema Collection: “Tu chiamale se vuoi….”

di Giulia Corigliano
2 minuti di lettura

Ogni film è la storia di un altro, che diventa parte di te. Ti colpisce nella tua parte più intima e più profonda, facendoti inconsapevolmente unire le tue esperienze di vita e i tuoi sentimenti a quelli della storia che stai guardando e vivendo.

Ci sono, così, film che ricordano l’importanza dei “ricordi”, di quei frammenti di vita che anche quando sembrano dimenticati, ritornano per rievocare i luoghi, le persone, le esperienze e gli episodi che hanno contribuito a formare il tuo animo, il tuo carattere, il tuo modo di essere.

Ci sono film che raccontano l’autenticità dell’amore. Parlano dell’amore non semplicemente “vero”, ma soprattutto “reale”, che può finire, continuando ad essere eterno, può unire inscindibilmente anche chi rimarrà sempre diverso, può dare la forza ed il coraggio di vivere anche quando è destinato a scontrarsi con la “fine”, può rompere la staticità di una vita senza neanche avere la pretesa di essere ricambiato o l’ambizione di essere chiamato “amore”.

Ci sono film che svelano le più difficili verità della nostra esistenza.

E lo fanno raccontando momenti ed ideali che siamo abituati a vedere come lontani solo perché coinvolgono la collettività e non noi personalmente, ma che in realtà hanno definito l’identità di ognuno di noi ancora prima della storia di tutti.

O lo fanno rivelando quei problemi più intimi, quasi inesistenti per chi non li vive, ma che una volta conosciuti rimangono dentro di te più di ogni esperienza realmente vissuta.

Ci sono film che evocano l’importanza di un attimo.

Quello che siamo abituati a vivere e che per questo non viviamo più come andrebbe vissuto.

Quello che abbiamo vissuto solo una volta e che continueremo a vivere sempre soltanto dentro di noi.

Tutte queste sensazioni, vissute grazie ad un film, vengono generalmente chiamate “emozioni”. Ma, come dice Lucio Battisti, tu puoi chiamarle solo “se vuoi”, emozioni. Perché non è neanche necessario che tu gli dia un nome: si tratta di un qualcosa che non può essere capito né fermato, ma può solo essere vissuto e provato.

La forza del cinema è probabilmente proprio questa: riuscire a “fermare” e far vivere ciò che non si riuscirebbe mai a spiegare e capire.

The Freak ha scelto di ricordarvi settimanalmente il piacere di provare una di queste “emozioni” e lo ha fatto cominciando da quelle emozioni che almeno una volta nella vita devono essere vissute, guardando uno di questi film.

Buona visione (emozione).

 








5 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Correlati

referendum

Referendum:
le ragioni del No

18 minuti di letturaDomenica siamo chiamati ad esprimerci su temi di assoluta centralità per il futuro del sistema della giustizia italiana. Eppure, i quesiti introdotti

LEGGI TUTTO

La Sicilia secondo Camilleri

5 minuti di letturaLa Sicilia secondo Camilleri. Capace di scrivere nel suo studiolo freneticamente e per molte ore di seguito, generoso come pochi altri “maestri”

LEGGI TUTTO