Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Like
Like Love Haha Wow Sad Angry
1

“Con la mia pazza tecnologia – l’orecchio fonico – mi trasformerò in un supereroe! E il mio potere sarà il super udito!”

Cece è una bambina di 4 anni. Una bambina che fa tutte le cose che fanno le bambine della sua età, come giocare con i trucchi della mamma, guardare la tv con il fratellone e la sorellona, andare in bici con il papà, cercare bruchi con l’amica Emma… Poi, improvvisamente, il suo mondo cambia. Cece diventa sorda. Il mondo diventa un posto stranamente silenzioso. Ciò che importa a Cece, però, è essere comunque carina, ed il costume rosso a pois che indossa tutto il giorno la fa sentire carina, anzi, bellissima! Un giorno, il dottore le dà una scatoletta con delle corde attaccate e le infila degli strani grumi appiccicosi nelle orecchie, poi preme un bottone, gira una manopola e PAF! Cece riesce a sentire. Per fortuna il dottore le dà anche una bella taschina a pois per custodire la scatoletta. Sarà carina anche così?

Cece comincia l’asilo. Un asilo speciale, in cui ci sono altri bambini con quella scatoletta e una maestra speciale che le insegna a leggere, a scrivere e soprattutto a leggere il labiale. Cece si sente capita, non si sente diversa. Quando comincia la scuola elementare, però, Cece cambia scuola e porta con sé il suo nuovissimo super potente apparecchio acustico solo per la scuola: l’Orecchio Fonico. All’inizio Cece si vergogna, perché ha paura che gli altri bambini la guardino e la considerino strana. Ma quando dà il microfono che sta insieme all’Orecchio Fonico alla sua insegnante, che deve tenerlo al collo, Cece scopre di essere diversa dagli altri, sì, ma in senso positivo! Con quel microfono è come se la maestra le parlasse nell’orecchio e lei riesce a sentirla anche quando si trova in altre parti della scuola, anche quando va a fare pipì! Chi altro può vantarsi di avere questo potere? Nessuno! Ed è così che Cece si trasforma in Supersorda e riuscirà ad aiutare i suoi amici in difficoltà.The Amazing Supersorda

Questo libro è un gioiello. È un libro estremamente intelligente, divertente, coinvolgente, e commovente. Diventiamo detective con Cece e cerchiamo indizi nelle altre persone per cercare di capire quello che dicono, perché a volte ci si può confondere. Come si fa a capire, ad esempio, se una persona sta dicendo “anello” o “agnello”? E poi…gridare non va bene, i baffi e la barba nemmeno, figuriamoci le mani davanti alla bocca! Le discussioni di gruppo, poi, sono un caso perso.

Seguiamo Cece nella sua ricerca della Vera Amica, che non è così facile da trovare, dovrà prima conoscere vari “rospi”, che non esistono mica solo in amore! Se non siete esperte di serie tv, fedeli, coraggiose e sincere, e se non fate ridere fino a far fare la pipì nelle mutande, non candidatevi nemmeno!

Ci disperiamo con lei quando il professore Potts, di educazione fisica, rompe per sbaglio il microfono collegato all’Orecchio Fonico e Cece dovrà resistere per settimane senza… “Oh mio amato! Come ho potuto vergognarmi di te? La vita è stata impossibile senza di te e il microfono!” Anche le supereroine possono sbagliare, eh!The Amazing Supersorda

Ci stupiamo con Cece della tenerezza del primo amore, anche se poi scopre che Mike ascolta i Van Halen, “quel gruppo schifoso”, e non i Beatles e si chiede se sia vero amore oppure no…

Quando è in difficoltà, Cece immagina di avere lì davanti a sé Batman e pensa “Cosa farebbe Batman al posto mio?” e riesce così a liberarsi dell’amichetta prepotente o di quella che urla per farsi capire e delle terribili lezioni di linguaggio dei segni in chiesa che la mamma vuole a tutti i costi che faccia.

“I supereroi sono meravigliosi, ma sono anche diversi dagli altri, ed essere diversi assomiglia molto ad essere soli.” Ci sono momenti in cui Cece si sente sola, le sembra di vivere in una bolla e di essere costantemente oggetto degli sguardi e dei giudizi altrui. Ma Cece è forte e non si abbatte neanche davanti alla solitudine, la affronta come se fosse un nemico da sconfiggere. E Supersorda vincerà, perché non è mica una supereroina qualunque!

Il libro è uno stupore continuo di quanto possa essere straordinaria una bambina che riesce a fare del suo punto debole il suo punto forte. Cece ci insegna che le nostre differenze sono i nostri superpoteri e non dobbiamo averne paura o vergognarcene. Con un po’ di creatività e di fiducia, le differenze possono essere trasformate in qualcosa di meraviglioso.

“Supersorda” si basa sull’infanzia dell’autrice, Cece Bell, che mette su carta i genuini sentimenti che provava da bambina, e che l’hanno portata a diventare la donna forte di oggi, che non cerca più di nascondere la sua sordità ma di valorizzarla. E poi, chi non vorrebbe avere il superpotere di spegnere il suono del mondo per un po’?

Il libro è stato pubblicato da Il battello a vapore, al prezzo di 14€. Fatevi un regalo, e compratelo. Vi sentirete più ricchi, dopo aver accompagnato Cece nel suo viaggio, e vi sentirete fortunati per aver avuto la possibilità di farne parte.

di Sara Cicalaall rights reserved

 

 

The Amazing Supersorda ultima modifica: 2017-11-30T05:05:56+00:00 da Sara Cicala
Like
Like Love Haha Wow Sad Angry
1

Utilizziamo cookie analitici e di profilazione di terze parti per migliorare la tua esperienza di utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi