Dedicata a…

Quando tu sarai vecchio ricorderai i versi che io scrivevo. Avrai le spalle curve le mani stanche per aver tanto faticato. Avrai attorno i tuoi figli i germogli della tua vita al tramonto. ... Leggi tutto...

j. Come la neve

Era di guardia. Gli anfibi affondavano nella neve. Neri i primi. Bianca la seconda. Lucenti entrambe. Indifferenti l’una agli altri nella loro perfezione. Lui intanto inclinava il proprio volto all’indietro e s... Leggi tutto...

Fantasia

Stavamo finendo il pranzo. Era un pranzo normale, niente di eccessivo, qualche portata, un po’ di vino in tavola. Perché uno si aspetta che gli avvenimenti importanti vengano preceduti da segnali inconsueti o s... Leggi tutto...

Una luminosa notte romana

Le palpebre chiuse. Sotto pupille vigili. Immobile nel silenzio di questa camera nuova ma già resa familiare dalla presenza di coloro che più amo al mondo. E' passata già qualche ora da quando ti ho sentito a... Leggi tutto...