Sposa d’autunno

di Bruna Piacentino

Sposa d’autunno

di Bruna Piacentino

Sposa d’autunno

di Bruna Piacentino
1 minuti di lettura
Sposa d’autunno
Procedi e rallenti
a passo più tenero
bianca di foglie, baci a levante
piano ti porgi al mio sacramento.
Somigli ai pensieri più timidi
che hanno bevuto vini e castighi,
e ora sorseggiano fiori d’arancio,
specchi e saperi, del mondo e di Sè.
Pronta al tuo Sì, di fatti e tasselli
segrete speranze e scrigni passati,
gravida avanzi, con gli occhi contieni
tutte le vecchie tue incongruenze
fate di foglie, e terra umida.
C’è un velo che poggi
sul ventre in attesa, tutti i riflessi
di una promessa vergine.
Porgimi la mano,
come la neve fa ai campi d’autunno.
Ti dono i richiami del lupo alla luna
di cose fatte e cose da fare,
e tutti i violini dell’atto presente.
Amo te, bella e completa
bianca ed eterna, profumi di Casa.
di Bruna Piacentino, all rights reserved
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

governo Draghi: un'ammucchiata necessaria

Ammucchiata
necessaria = Draghi

3 minuti di letturaIl governo Draghi oggi sembra un’ammucchiata, persino uscita male. Non c’è dubbio. Capisco infatti la delusione di molti. Di chi voleva discontinuità

LEGGI TUTTO