Si spegne su sto focu la spiranza da Sicilia

di Pietro Maria Sabella

Si spegne su sto focu la spiranza da Sicilia

di Pietro Maria Sabella

Si spegne su sto focu la spiranza da Sicilia

di Pietro Maria Sabella
1 minuti di lettura

Si spegne su sto focu

la spiranza da Sicilia.

 

Orba la vita su sti macerie

ca ammazza la giustizia e

a virità comu u suli chiù putenti

comu u cielu chiù azzurro.

 

Mi nni vai currennu pi stu golfo

insanguinnato.

M’aiu a scurdari a carni to abbrusciata

pi li vermi

pi li figghi

di ‘ndrocchia ca l’Italia

vonnu futtiri.

 

Io ti pensu e ti stringo

lu tu pinseri vola e rimane

su sta città ‘ncantata e disonesta.

 

Ti taliù abbruscicari mentri

vai via pi nun turnari.

 

Curru curru cchiù forti

per gridari all’u munnu interu

ca a to voci mi cunsula

a to forza non è smarrita.

 

Sta terra infame ti congiurò

e i spadde ti votò

ma t’abbrazzo chi me mano

pi ttia ca si l’unico vero italiano.

 

A Paolo  Borsellino  19-07-2012

 

Pietro Maria Sabella All rights reserved

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati