Senza voce

di Giulia Covelli

Senza voce

di Giulia Covelli

Senza voce

di Giulia Covelli
1 minuti di lettura

Senza voce

Con un punto interrogativo sulla bocca
mi chiedi
il silenzio che le mie labbra stringono.
Come dirti
che non riuscirai a vedere il mare che mi attraversa?
Come darti
il sostrato della parola manifesta,
la costante controvoce del mio canto?
Respiro immobile,
sospesa
in quest’eterno
silenzio
per dirti
che non so parlarti
se resti
a passi da me.

di Giulia Covelli, all rights reserved

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati