SE ASCOLTASSI IL MARE

di Pietro Maria Sabella

SE ASCOLTASSI IL MARE

di Pietro Maria Sabella

SE ASCOLTASSI IL MARE

di Pietro Maria Sabella
1 minuti di lettura

Se ascoltassi il mare

Se ascoltassi il mare come se fossi una cieca

sentiresti che nulla va via

e anche se non avessi più niente da aspettarti

riprodurrebbe i miei passi

le mie lettere

il gusto amaro del tuo seno appena lavato

e appena baciato,

non servirebbe più parlare

bisogna ballare su un filo appeso

su una vita inquieta

mai perfetta

mai giusta

come il mare

che ruba, asciuga e pulisce

ed allora

sorridimi

non abbiamo più niente da aspettarci

solo che venga domani

e poi il mare continuerà a fare il suo lavoro.

di Pietro Maria Sabella, all rights reserved

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Correlati

referendum

Referendum:
le ragioni del No

18 minuti di letturaDomenica siamo chiamati ad esprimerci su temi di assoluta centralità per il futuro del sistema della giustizia italiana. Eppure, i quesiti introdotti

LEGGI TUTTO

La Sicilia secondo Camilleri

5 minuti di letturaLa Sicilia secondo Camilleri. Capace di scrivere nel suo studiolo freneticamente e per molte ore di seguito, generoso come pochi altri “maestri”

LEGGI TUTTO