Saluto alla stazione

di Francesco Sperli

Saluto alla stazione

di Francesco Sperli

Saluto alla stazione

di Francesco Sperli
1 minuti di lettura

Saluto alla stazione

E ti saluto,
amore mio,
tra le fronde
del fico
e gli effluvi del
cumino;

E di sessanta
sguardi è
fatta un’ora,
è lontano
il tuo sospiro
ed il mio.

Se fossi qui
dieci anni
fa, tuo il raggio
e la mandorla
all’ombra del
Ponente.

Ora solo
il solco di
un largo
Silenzio
e l’odore del
grano mietuto.

di Francesco Sperlì, all rights reserved

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Correlati

Ucraina, la Russia
perde terreno

5 minuti di letturaDopo diverse settimane relativamente tranquille, sul fronte ucraino la guerra di logoramento ha nuovamente lasciato il posto ad azioni di particolare intensità

LEGGI TUTTO