Saluto alla stazione

di Francesco Sperli

Saluto alla stazione

di Francesco Sperli

Saluto alla stazione

di Francesco Sperli
1 minuti di lettura

Saluto alla stazione

E ti saluto,
amore mio,
tra le fronde
del fico
e gli effluvi del
cumino;

E di sessanta
sguardi è
fatta un’ora,
è lontano
il tuo sospiro
ed il mio.

Se fossi qui
dieci anni
fa, tuo il raggio
e la mandorla
all’ombra del
Ponente.

Ora solo
il solco di
un largo
Silenzio
e l’odore del
grano mietuto.

di Francesco Sperlì, all rights reserved

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

Color Fest 9

Color Fest 9:
edizione da record

5 minuti di letturaColor Fest 9. Entertainment is business, scrive qualcuno sui cartelloni pubblicitari di Roma a Valle Giulia. Entertainment is business, a ricordare forte, con

LEGGI TUTTO
AFGHANISTAN-CONFLICT

Afghanistan:
20 anni di disfatta

7 minuti di lettura“Non ci sono possibilità che vediate persone che vengono evacuate dal tetto dell’ambasciata americana in Afghanistan”. Così, durante una conferenza stampa tenuta

LEGGI TUTTO