Riconciliazione

di Pietro Maria Sabella

Riconciliazione

di Pietro Maria Sabella

Riconciliazione

di Pietro Maria Sabella
1 minuti di lettura

Sogno pupi siciliani,

dai colori accesi e confusi,

rive incostanti e senza tempo

che fluttuano immobili sul margine

del tempo.

Sogno questa terra,

non migliore

non peggiore

ma ferma lì

ad aspettare la fine di un esodo generazionale

che sanguina ogni giorno

nonostante i Santi in processione

per i santini in cambio di voti

o le frotte estive di masnade

cieche.

Sogno una restituzione esistenziale,

quel mare mozzicato dal cielo

quella terra che muova i miei passi,

che mi abbatta per non partire più.

di Pietro Maria Sabella,all rights reserved

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati