RAMEN BAR AKIRA: IL RAMEN È UNA COSA SERIA

di Sara Verrillo

RAMEN BAR AKIRA: IL RAMEN È UNA COSA SERIA

di Sara Verrillo

RAMEN BAR AKIRA: IL RAMEN È UNA COSA SERIA

di Sara Verrillo
3 minuti di lettura

“Cucinarlo in casa è quasi impossibile!”.

Questa la risposta data a Abby, nel film Ramen girl da una sua collega dopo averle chiesto se sapesse come cucinare il ramen.

Il ramen, per chi non lo conoscesse, è un tipico piatto giapponese, di origine cinese, che arriva in Giappone solo a metà del novecento, diventando uno dei piatti simbolo del continente. La zuppa è composta da ingredienti tanto semplici quanto complicati nel saperli combinare tra loro, visto che sono tanti, in modo da creare il giusto equilibrio che meglio esprime lo spirito e l’amore di chi lo prepara. E per molti la ricerca di questo equilibrio e espressione è diventata un’ossessione che li spinge a provare e riprovare per creare il ramen perfetto.

ramen

Gli ingredienti principali sono il brodo che può essere di carne, pesce o vegetale e noodles, simili ai nostri taglioni, di farina di frumento e condimenti vari. Per cucinare un ottimo ramen il brodo può cuocere anche dieci ore e il segreto di questo affascinante piatto non è solo il brodo, ma soprattutto la particolare salsa posta sul fondo della ciotola, chiamata tare o anche detta kaeshi, l’elemento che determinerà l’intero gusto del ramen. Esistono quattro tipi di brodo che volendo possono essere combinati fra loro: shio ricco di sale, brodo di colore più giallino, la ricetta più antica; shoyu salsa di soia; tonkotsu ossa di maiale o pollo; e il brodo a base di miso. In fine la zuppa viene guarnita con i condimenti desiderati oltre a quelli che prevede la ricetta originale, che sono carne di maiale, uova e cipollotto fresco, in aggiunta si può scegliere del mais, pomodori o altro.

E quindi, incuriosita dal film che avevo già visto diverse volte e dall’irrefrenabile voglia di provare il ramen, sono andata al Ramen Bar Akira in via ostiense 73.

Il Ramen Bar Akira ha un arredamento pulito e semplice, sui colori del bianco e tocchi di rosso e nero nella mise en place. Una tappa obbligatoria se vi trovate nel quartiere. Ha diverse sale e in quella principale si trova la cucina semi a vista, dove viene preparato il buonissimo ramen.

ramen

Le curiosità e le particolarità di questo piatto sono tante e differiscono a seconda delle regioni, delle città e degli ingredienti. Il ramen cucinato al Ramen Bar Akira è lo Iekei Ramen nato a Yokohama nel 1974, creato dalla famiglia Yoshimura che in pochissimo tempo è diventato il più famoso nella città. Questo tipo di ramen è composto da “Tonkotsu soup”, (brodo di ossa di maiale), e “Futomen” (variante di spaghetti un po’ più spessi).

Red Spicy Tonkotsu

Ed ecco a voi il ramen che mi ha conquistata e stregato, che non vedo l’ora di mangiare il prima possibile, destreggiandomi tra bacchettine e saji, cucchiaio giapponese, l’ho finito in un attimo proprio come fanno nei cartoni giapponesi.

Il Red Spicy Tonkotsu è composto da spaghetti, zuppa, miso piccante, brodo di pollo, carne di maiale, cavolo, porro, akadama, alghe, e visto che avevo la possibilità di aggiungere altri ingredienti ho scelto l’immancabile uovo sodo una goduria ragazzi!

Al Ramen Bar Akira troverete anche un ottimo ramen vegetariano e il ramen scomposto, vi verranno serviti tutti gli ingredienti e potrete condire a vostro piacimento il piatto. A differenza di quello già composto qui il brodo è più intenso: è già la prossima scelta!

Quindi, freakers, se non l’aveste capito, il ramen è una cosa seria. Prima di affondare le bacchette e il cucchiaio nella zuppa, osservatela attentamente soffermandovi sui suoi ingredienti, sulla loro posizione e colori ricordandovi dello spirito e dell’amore di chi l’ha preparato.

Vi lascio con un appuntamento: il 16 dicembre a largo della fontanella borghese 86/A apre “Le Asiatique” nuova apertura firmata Laurenzi Consulting che vi consiglio di non perdere, visto che nella capitale la tendenza food del momento è quella asiatica e fusion… finalmente!

Buon weekend Freakers!

di Sara Verrillo, all rights reserved 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

Afghanistan:
cosa accade oggi

6 minuti di letturaAfghanistan. Lo scorso 12 ottobre la nostra capitale ha avuto l’onore di ospitare la seduta straordinaria del G20 dedicata alla questione afghana.

LEGGI TUTTO