Premio Strega. Siete pronti?

di Marina Solimine

Premio Strega. Siete pronti?

di Marina Solimine

Premio Strega. Siete pronti?

di Marina Solimine
2 minuti di lettura

Inizia l’attesa per la tradizionale finale di Villa Giulia, in luglio, quando verrà assegnato il prestigioso Premio Strega, giunto ormai alla sua sessantasettesima edizione. I dodici candidati – selezionati il 5 aprile dal Comitato Direttivo tra 26 titoli che erano stati proposti – verranno presentati in via ufficiale venerdì 10 maggio al Teatro San Marco di Benevento.

Sede della prima votazione per determinare la cinquina dei finalisti sarà, come sempre, casa Bellonci, ovvero la storica sede della Fondazione organizzatrice del concorso insieme al famoso liquore di Benevento – che dà il nome al premio. In quella casa, subito dopo l’ultima guerra cominciarono a riunirsi la domenica pomeriggio gli amici di Maria e Goffredo Bellonci. Mercoledì 12 giugno ci sarà lo spoglio dei voti dei quattrocento Amici della Domenica: il nocciolo duro dei giurati dell’onorificenza. A questi, per completare la giuria, bisogna aggiungere sessanta “lettori forti”, che sono stati segnalati da altrettante librerie indipendenti associate all’ALI (Associazione Librai Italiani) e dai gruppi di lettura coordinati da 10 Istituti Italiani di Cultura all’estero (ognuno titolare di un voto collettivo).

Come accennavamo all’inizio, giovedì 4 luglio avverranno la seconda votazione e la proclamazione del vincitore, nella suggestiva cornice del Ninfeo di Villa Giulia.

Vediamo, adesso, quali sono le dodici opere candidate per quest’edizione del 2013 e da quali Amici della Domenica sono state presentate.

“Apnea” (Fandango) di Lorenzo Amurri, presentato da Clara Sereni e Sandro Veronesi; “El especialista de Barcelona” (Dalai editore) di Aldo Busi, presentato da Alessandro Barbero e Stefano Bartezzaghi; “Romanzo irresistibile della mia vita vera” (Marsilio) di Gaetano Cappelli, presentato da Gian Arturo Ferrari e Marina Valensise; “Cate, io” (Fazi) di Matteo Cellini, presentato da Filippo La Porta e Paola Mastrocola; “Sofia si veste sempre di nero” (minimum fax) di Paolo Cognetti, presentato da Diego De Silva e Lorenzo Pavolini; “Mandami tanta vita” (Feltrinelli) di Paolo Di Paolo, presentato da Gad Lerner e Rosetta Loy; “Il cielo è dei potenti” (e/o) di Alessandra Fiori, presentato da Giovanna Botteri e Paolo Sorrentino; “Atti mancati” (Voland) di Matteo Marchesini, presentato da Massimo Onofri e Silvia Ronchey; “Le colpe dei padri” (Piemme) di Alessandro Perissinotto, presentato da Gianluigi Beccaria e Eva Cantarella; “Figli dello stesso padre” (Longanesi) di Romana Petri, presentato da Alberto Asor Rosa e Salvatore S. Nigro; “Resistere non serve a niente” (Rizzoli) di Walter Siti, presentato da Alessandro Piperno e Domenico Starnone; “Nessuno sa di noi” (Giunti) di Simona Sparaco, presentato da Valeria Parrella e Aurelio Picca.

Si nota, pure quest’anno, la presenza di case editrici anche medio-piccole e/o indipendenti: segno di apertura importante, nonostante i “poteri forti” dei maggiori gruppi editoriali italiani giochino comunque un ruolo importante.

Chissà quali fra questi titoli andrà maggiormente incontro ai gusti dei nostri Freak’s e se le loro aspettative verranno soddisfatte…

a cura di Marina Solimine

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati