Portami la notte

di Enrichetta Glave

Portami la notte

di Enrichetta Glave

Portami la notte

di Enrichetta Glave
1 minuti di lettura

Portami la notte

Portami la notte
e intreccerò i tuoi dubbi
alle lunghezze dei miei capelli colore
dell’ebano.
Portami la notte
che sorveglia le maree
e le ammansisce all’alba
di un giorno nuovo. Proprio come
tu hai fatto con le nostre parole,
quando hai deciso che forse
era meglio tacere.
Portami la notte
e sconfiggerò l’ottenebrante
persistente timore d’amarti
io sola e senza alternative,
tu fammi morire un giorno
in totale oscurità ché la troppa luce
ha finito per confondermi.
Giorni verranno stracolmi di solitudine,
di tanto in tanto a ricordare vanesie
promesse. Dovessi mai schiudere le palpebre
e nel mentre scoprire che la realtà
è per sua natura ingannevole
e i miei occhi gocciano ancora
inumiditi di sogni.
Tra queste lenzuola di cotone
e desolazione intrepida, attendo
l’ancestrale congiungersi delle nostre
mani fredde: potessimo finalmente
trovare redenzione,
impunemente tornare a carezzare
quella famigliare dolce microeternità
che soltanto in due sapemmo generare.

 

di Enrichetta Glave, all rights reserved

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati