Poesie – Le rughe appena nate sui tuoi occhi

di Pietro Maria Sabella

Poesie – Le rughe appena nate sui tuoi occhi

di Pietro Maria Sabella

Poesie – Le rughe appena nate sui tuoi occhi

di Pietro Maria Sabella
1 minuti di lettura

Procedevano a tratti

con simbologia frenetica

le rughe appena nate sui tuoi occhi

apparivano

andavano via poi

come sorrisi scolpiti dalla vita

come cerchi di tempo che non ti ferisce

 

le amo

 

sono padrone del tuo tempo

cornici immobili del tuo colore

custodi di piccoli giardini ancora da scoprire

di una maturità della mela o della fragola

dello stesso sapore

 

ora che le bacio

 

ora che sono il segno che sei donna

e non mi spaventa il tuo divenire

mi rincresce non viverlo

oggi – domani – sempre

vitigno o campo di grano da ammirare

resteranno ogni estate

le tue rughe

lontane dai miei baci.

 

 

di Pietro Maria Sabella All rights reserved

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati