Nunc

di Bruna Piacentino

Nunc

di Bruna Piacentino

Nunc

di Bruna Piacentino
1 minuti di lettura

Nunc

Allo strapiombo di tutti i tumulti,
che sfiatano in fretta
di furia piú secca, la gola
e occhi arsi e deserti
quale speranza, se volgi al domani?
Quale la via, le luci di casa?

Sosta un momento
negli occhi piú placidi
muti e gioiosi
nelle corone di foglie, attorno ad un letto
che grida aiuto, a canti e sorrisi.

Stai nell’adesso
nell’ora che ti nasce
nel secolo che muore
nel luogo che ascolti, di pena e passione.
Stai

Potrai mai comprendere
quanto sia dolce
l’ora presente?
Quanto saggia ti lasci, a gattoni
e passi piú lenti e veri di vita?
Perchè il sogno
lo fai ad occhi aperti,
qualunque sia il tuo istante,
la meridiana che parla.

La verità
è che Lei insegna alla cura
di ogni radice
di acqua del vespro
e profumo d’alba.

di Bruna Piacentino, all rights reserved

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati