Natività

di Bruna Piacentino

Natività

di Bruna Piacentino

Natività

di Bruna Piacentino
1 minuti di lettura

Sempre starete tra menti e ricordi
luoghi lontani e scelte incuranti
piccoli amori di fiamma soffusa
eterni a bussare di cuore e di gola,
distesi e supremi sopra orizzonti
e dentro una bolla finiti allo schiocco:

è bastato un ultimo,
vivido tocco.

Mai e per sempre vi chiudo in soffitta,
umide e fredde, bagnate di chiuso
ma vividi e arsi, ceppi di fuoco
alti e possenti miei girasoli
versi di prosa su lignee sculture.

C’è un’altra fessura sui muri di pietra,
scorgo tutt’ora giorni maestosi,
e noia felice al caldo di un’anima.
fiamme gentili, libri e progetti,
la notte ed il giorno
sogni più svegli.

A tutte le donne del mondo:
lasciate alle spalle quel che vi lega
ad una sola firma sbiadita
di questi immaturi piccoli versi.
Nulla vi cela altre conquiste
che lente si schiudono tra i palmi assopiti,
di mani e di braccia vive di attesa,
o gambe impazzite e danzanti di corse.
Nulla vi impone, oltre l’effimero
di lungimirare stelle e farfalle,
spiagge di ghiaccio e piogge di stelle,
timidi e candidi baci nel Sole.

Date alla luce l’anima in fiore,
la notte ed il giorno,
sogni più svegli.

 

di Bruna Piacentinoall rights reserved 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati