Napoli è mille colori – Gli scatti di Gaetano De Angelis

di Stefy Blood

Napoli è mille colori – Gli scatti di Gaetano De Angelis

di Stefy Blood

Napoli è mille colori – Gli scatti di Gaetano De Angelis

di Stefy Blood
1 minuti di lettura

“Napule  è mille culure | Napule  è mille paure | Napule è  a voce d’ ‘e criature | che saglie chiano chianu | e tu saje ca nun si sulo.” (Pino Daniele)

Napoli no, non ti fa mai sentire solo. Napoli è una di quelle città  che ti accoglie a braccia aperte e che non ti abbandona mai.

No, non è solo criminalità , camorra e spazzatura. In ogni angolo di questa città , puoi perderti nei pensieri e lasciarti trasportare dalla sua magia.

Una magia fatta di mani, di occhi, di volti provati dalle circostanze, di poesia e di colori. Luci che si riflettono sul giallo del tufo, padrone dei suoi vicoli.  Napoli è come una prostituta che non puoi fare a meno di amare, anche se sei consapevole del marcio che le riempie l’animo.

Parola di Gaetano De Angelis,  giovane fotografo partenopeo che con i suoi scatti prova a presentarci una città  diversa da quella che ci aspettiamo.

Una foto è la descrizione di un attimo. Saper guardare per vedere, osservare, riflettere e riportare agli altri.

Gaetano ci riporta la sorprendente quotidianità  di una città  come Napoli. Sanità , Quartieri Spagnoli, Via dei Tribunali, ferrovia e il centro storico, dove tutto è talmente folle da sembrare quasi normale.

 

Il resto degli scatti potete trovarli nella sua pagina ufficiale di Facebook:

http://www.facebook.com/pages/Gaetano-De-Angelis-Photographer/206992179399582?ref=ts

 

Foto di Gaetano De Angelis.  All rights reserved

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

2 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

governo Draghi: un'ammucchiata necessaria

Ammucchiata
necessaria = Draghi

3 minuti di letturaIl governo Draghi oggi sembra un’ammucchiata, persino uscita male. Non c’è dubbio. Capisco infatti la delusione di molti. Di chi voleva discontinuità

LEGGI TUTTO