Mio padre

di Maria Rita Curcio

Mio padre

di Maria Rita Curcio

Mio padre

di Maria Rita Curcio
1 minuti di lettura

 

Mio padre

non prese mai l’aereo

eppure sapeva volare.

Sapeva narrare di storie

lontane di guerra

e di Africa

e di dolore.

Sapeva narrare

di dolci profumi di Francia

e di giovani donne francesi

innamorate.

Sapeva narrare di gioie

e di scherzi e di fughe

notturne ed improvvise.

Sapeva narrare di scelte inconsapevoli

che determinano un destino.

Mio padre cantava canzoni leggere

con un filo di voce

che tornano dentro di me

come un’incantevole sinfonia.

 

Maria Rita Curcio All rights reserved


Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

governo Draghi: un'ammucchiata necessaria

Ammucchiata
necessaria = Draghi

3 minuti di letturaIl governo Draghi oggi sembra un’ammucchiata, persino uscita male. Non c’è dubbio. Capisco infatti la delusione di molti. Di chi voleva discontinuità

LEGGI TUTTO