MIA DOLCE LIBERTÀ

di Enrichetta Glave

MIA DOLCE LIBERTÀ

di Enrichetta Glave

MIA DOLCE LIBERTÀ

di Enrichetta Glave
1 minuti di lettura

Ti ho vista camminare
per sentieri di campagna.
Eri bella, scalza
odorosa di fresca rugiada.

I gelsomini adornavano
una fluente chioma rossa
Gli occhi verdi
brillavano di speranze.
Il sole risplendeva
sulle tue mani calde.
Una veste bianca
accarezzava le curve
dei tuoi turgidi seni.
Ibrido d’idee e passioni,
il movimento dei tuoi fianchi
sorprendeva i miei sorrisi.

Voglia l’eco dei miei sogni
diffondersi nel vuoto,
attraversarti la pelle.
Voglia la luna alla sera
infuriare l’alta marea,
travolgere, supino, il tuo corpo
che si ritempra ancora (di gloria).

Ah leggera spuma di mare
quale sei diventata
Ah irresistibile bellezza del cosmo
quale mi ha destato …
Ti ho chiamata Libertà

di Enrichetta Glave, all rights reserved

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Correlati

referendum

Referendum:
le ragioni del No

18 minuti di letturaDomenica siamo chiamati ad esprimerci su temi di assoluta centralità per il futuro del sistema della giustizia italiana. Eppure, i quesiti introdotti

LEGGI TUTTO

La Sicilia secondo Camilleri

5 minuti di letturaLa Sicilia secondo Camilleri. Capace di scrivere nel suo studiolo freneticamente e per molte ore di seguito, generoso come pochi altri “maestri”

LEGGI TUTTO