MAREMMA

di Enrichetta Glave

MAREMMA

di Enrichetta Glave

MAREMMA

di Enrichetta Glave
1 minuti di lettura

MAREMMA

Dalle viscere trasudavi echi di foschia umida
in un Settembre a metà tra l’incerto e l’ossessione.
E la voce tua distesa appannava i vetri
di un’anima in corsa e senza sosta.

Nelle criniere zollose dei campi tuoi figli
scorrerevan gli stenti di butteri estinti.
Sparve l’impressione di te
dietro la laguna di Orbetello
dove l’Argentario sorveglia i sensi
bastione del Tirenno
e la tua sembianza si flette ancora
fino all’azzurro dell’apuana Versilia.

Immensa e promessa ai superstiti romantici
dove le rovine dei casolari tuoi?
Perle terrestri di cemento e sudore.

Palustre campagna di fiele e briganti
di flora selvaggia e stagioni andanti,
resisti amara alla logica dei giorni
ed alla morte seminata dai mille malanni.

Un senile tramonto
e ora tu sei il rimedio
nel rientro forzato
in una caotica Roma.

di Enrichetta Glave, all rights reserved

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati