MAREMMA

di Enrichetta Glave

MAREMMA

di Enrichetta Glave

MAREMMA

di Enrichetta Glave
1 minuti di lettura

MAREMMA

Dalle viscere trasudavi echi di foschia umida
in un Settembre a metà tra l’incerto e l’ossessione.
E la voce tua distesa appannava i vetri
di un’anima in corsa e senza sosta.

Nelle criniere zollose dei campi tuoi figli
scorrerevan gli stenti di butteri estinti.
Sparve l’impressione di te
dietro la laguna di Orbetello
dove l’Argentario sorveglia i sensi
bastione del Tirenno
e la tua sembianza si flette ancora
fino all’azzurro dell’apuana Versilia.

Immensa e promessa ai superstiti romantici
dove le rovine dei casolari tuoi?
Perle terrestri di cemento e sudore.

Palustre campagna di fiele e briganti
di flora selvaggia e stagioni andanti,
resisti amara alla logica dei giorni
ed alla morte seminata dai mille malanni.

Un senile tramonto
e ora tu sei il rimedio
nel rientro forzato
in una caotica Roma.

di Enrichetta Glave, all rights reserved

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

Covid-19
Fine di una pandemia

4 minuti di letturaCovid-19. Da pochi giorni l’OMS ha dichiarato la cessazione dell’emergenza sanitaria globale. La pandemia da Covid-19 sembra lasciare il passo in modo

LEGGI TUTTO