Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Che negli ultimi anni il cinema abbia scelto di raccontare storie di periferia è ormai evidente.

Dopo Fortunata, Cuori Puri, Indivisibili, Non essere cattivo e molti film presentati alla 74esima edizione dalla Mostra Internazionale dell’arte cinematografica a Venezia, si percepisce una vera necessità di raccontare l’autentico e la realtà di certe emarginazioni chiuse dentro la propria cultura di quartiere.

Una narrazione inizialmente esclusiva è, quindi, diventata mainstream, rendendo difficile restituire unicità nel genere ad una scelta cinematografica “di genere” ma altamente diffusa.

Eppure, Leonardo Di Costanzo è riuscito a essere originale ed esclusivo nella regia del suo ultimo film, L’Intrusa. Un titolo che racconta un’integrazione ai limiti del possibile, una straniera in terra di altri, una realtà di emarginazione violenta che ti fa sentire “altra” in mezzo agli altri. Altra nella cultura della diversità e dell’abbandono. Il regista racconta una Napoli che esclude, e una che include, abbracciando e togliendo dalla strada della malavita.

L’intrusa è la fotografia di una realtà che ci corre accanto, e noi neppure ce ne accorgiamo. Poi, scopriamo che esiste grazie al Saviano di turno, eppure era lì. Da tempo. Nei gesti, e nel linguaggio.

Il documentario partenopeo è un meraviglioso esperimento di realismo crudo, che cattura in ogni sua espressione cinematografica la tenerezza e il dolore di certe realtà escluse.

Una donna testarda, una madre e una figlia. Il pregiudizio e la paura.

di Natalina Rossi, all rights reserved

“L’intrusa” e il realismo partenopeo crudo ultima modifica: 2017-10-09T06:15:14+00:00 da Natalina Rossi
Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

A proposito dell'autore

Natalina, qualche volta Alice. Dipende dal treno da prendere.
C’ha gli zigomi aggressivi, uno strano attaccamento ai suoi polsi, simpatiche fobie sociali da raccontare alla gente con un bicchiere di Primitivo in mano, e poi una penna tipo kit d’emergenza salva vita. C’ha una casa che è tipo una galassia di Star Wars con le pareti coperte di locandine e facce di Servillo sparse. Un legame silenzioso con Ettore Scola che ha consolidato presentandosi ai suoi funerali, così, perché lui capiva i suoi desideri e un sacco di lacrime. Gioca a PES 2009 perché quanto è forte il Barcellona a quei tempi mai più. E’ alla ricerca della mappa segreta dei suoi spostamenti per trovare pace con il corpo.

Post correlati

Utilizziamo cookie analitici e di profilazione di terze parti per migliorare la tua esperienza di utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi