LINEE SENZA INCROCI

di Enrichetta Glave

LINEE SENZA INCROCI

di Enrichetta Glave

LINEE SENZA INCROCI

di Enrichetta Glave
1 minuti di lettura

Linee senza incroci

Le nostre facce s’incipriarono
di caramello e zafferano
dietro un tavolo di maioliche
che ho chiamate Positane.
Sopra le teste incupite e ricce
file di lanterne
come lucciole d’uliveto
a nasconderci voglie e pensieri succulenti
a stirarci i vestiti e gli inutili tormenti.

Abbiam rotto di noi i vetri
protetti e sconosciuti
e fatto rimbalzare il vento
via all’urlo dei silenzi.

Ah similitudine di cuori
che pur non spingi ad unirci
tu soltanto ci vuoi infiniti
come due linee senza incroci.

di Enrichetta Glave, all rights reserved

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati