Lieve di grazia

di Bruna Piacentino

Lieve di grazia

di Bruna Piacentino

Lieve di grazia

di Bruna Piacentino
1 minuti di lettura
Scovami zitta sul fondo del viale,
di freddo e di foglie sola e morente,
dal ciglio del fuoco calante serale,
al seno del sole neonato d’Oriente.
Fermati il passo, lieve e gentile,
porgimi ferma e cortese la mano,
sulle matasse di un vuoto infantile,
nelle segrete di un tempo lontano.
Cure di gesti, parole e sospiri
dolce di occhi e tiepida pelle,
questa la grazia dei lenti deliri
nell’ansimante danza di stelle.
Sorsi di pace, per sempre rimani
dita sul viso centellinate:
risorgimi ancora le tenere mani,
come il calore sui fiori d’estate.
di Bruna Piacentino, all rights reserved

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Correlati

referendum

Referendum:
le ragioni del No

18 minuti di letturaDomenica siamo chiamati ad esprimerci su temi di assoluta centralità per il futuro del sistema della giustizia italiana. Eppure, i quesiti introdotti

LEGGI TUTTO