Langhe in Tavola e Cene Commentate, la miglior WINE-WINE situation nelle enotavole torinesi

di Fabrizio Spaolonzi

Langhe in Tavola e Cene Commentate, la miglior WINE-WINE situation nelle enotavole torinesi

di Fabrizio Spaolonzi

Langhe in Tavola e Cene Commentate, la miglior WINE-WINE situation nelle enotavole torinesi

di Fabrizio Spaolonzi
2 minuti di lettura

Ingredienti del successo: Bra, Raschera, Crudo di Cuneo, Vini delle Langhe. Servire nei migliori locali. Grazie.

Si potrebbe sintetizzare così l’ottima idea-proposta concepita da Regione Piemonte ed “intavolata” da Erika Mantovan, Sommelier e consulente di comunicazione settore vino e turismo, che, in collaborazione con “Strada del Barolo e grandi vini di Langa” e “Wineat”, hanno organizzato un winetour tutto torinese per portare i migliori sapori e profumi delle Langhe sotto la Mole.

Langhe in Tavola, questo il nome del progetto, attraversa in un mese la capitale sabauda in 5 tappe – tutte a marzo, SAVE THE DATE – che non si “limiteranno ad essere” semplici cene, ma incontri. Incontri con il gusto e incontri con i produttori, che saranno presenti alle diverse serate per raccontarsi e raccontare le proprie aziende ed i prodotti, il cui risultato ultimo è nel piatto, ma che dietro hanno settimane, mesi, anni, generazioni di lavoro e tradizioni.

Ma oltre al “cosa” gustare, la domanda che sorge spontanea è, come? Mi ha risposto direttamente Erika!

Sul “cosa” parliamo di valorizzazione di prodotti tipici del territorio quali i formaggi Bra e Raschera ed il Prosciutto Crudo di Cuneo DOP, in una chiave gourmet ed immediata.

Lato format, ogni serata sarà viva e “commentata live” con la descrizione dei prodotti seguita da un antipasto e un primo/secondo preparati usando gli stessi ingredienti, lavorati dagli Chef per scoprirne caratteristiche e trasformazioni degli aromi e dar così sfogo alla fantasia, invogliando il commensale a sperimentare nuove ricette nella propria cucina. Il tutto abbinato a vini dei produttori Le Strette, Bel Colle, Silvano Bolmida, Marchesi di Barolo e Costa di Bussia (soci de Strada del Barolo e grandi vini di Langa) che hanno deciso di aderire all’iniziativa. 

Prossime tappe?

Il format è già rodato dal circuito Wineat (un gruppo di enotavole torinesi con professionisti al timone di lunga esperienza) e c’è l’intenzione di allargarlo ad altre regioni vitivinicole piemontesi e non, coinvolgendo il Monferrato, l’Alto Piemonte ma anche la Valtellina.

 

Chi ci sarà seduto a tavola?

Non c’è un “protocollo”, sicuramente non bisogna esser spaventati o non adeguati perché non ci si sente “abbastanza esperti”. Le serate sono libere ed aperte a tutti i golosi e curiosi.

L’obiettivo è anche coinvolgere, oltre agli appassionati del vino come Sommelier e degustatori, un pubblico più vasto, per rendere quest’esperienza più immediata e quasi casalinga; ogni appuntamento è costruito per il piacere dei sensi e della mente, un apprendimento di nuove eccellenze che tranquillamente possono essere nel frigo di casa già dal giorno successivo della cena commentata.

 

Freakers del nordovest, freakers travellers, avanti ! Non vi resta che prenotare…

 

di Fabrizio Spaolonzi, all rights reserved

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati