Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

L’ora di ricevimento al Teatro Eliseo, fino al 26 Marzo

In una scatola d’intonaco, sotto un neon che pare un uguale matematico si presenta il Professor Philippe Ardeche (interpretato magistralmente da Fabrizio Bentivoglio): un obiettore di coscienza senza cravatta, che insegna francese citando Rabelais e i tempi infami di Verlaine ai ragazzi sugli 11 anni della banlieue di Les Izards, ai margini dell’area metropolitana di Tolosa.

L'ora di ricevimento, foto di Alessandro Botticelli MEDIA

Fabrizio Bentivoglio nel ruolo del Professor Ardeche

Nonostante il suo compito sia di non perdere nessuno, all’inizio del suo ennesimo anno in questa scuola il professor Ardeche farà la confessione che non sa ancora chi sarà che si perderà per strada tra i suoi alunni, di cui, col tempo, restano solo i soprannomi. Ma soprannomi dettagliati, ciascuno al suo posto: vicino la porta la “fuggi-presto” e alla finestra il “panorama”, “primo banco” di fronte e l’”invisibile” alle spalle, “raffreddore” vicino il termosifone e le coppie fisse “boss” e  “bodyguard”, “falsaria” e “campionessa” mentre la “rassegnata” siede vicino alla “missionaria” ed un insospettabile “adulto” dalla bruciatura sul volto stringe amicizia con la “cartoon”, un piccolo clown velato di tristezza nel suo essere buffa. C’è l’immaginarsi volto e atteggiamenti di questi ragazzi, in un mosaico di culture, razze e religioni. Ragazzi che tutto sommato restano identici, fermi nel loro soprannome, anche se spostati di banco.

E invece a ruotare attorno al Prof, tra sfide, accuse, preghiere, disillusione e sfrontatezza, sono i genitori di questi 13 ragazzi della classe sesta sezione C: il giovedì, tra le 11 e mezzogiorno, è l’Ora di Ricevimento e la processione davanti alla sua porta va avanti durante tutto l’anno, mentre le foglie cadono e rinascono sul grande albero da frutto dietro la grande vetrata.

L'ora di ricevimento, ph. di Alessandro Botticelli

Nonostante si conviva giornalmente sotto un grande uguale, spiccano slanci di diversità in questa gabbia di boa, pitoni e cobra, tra la puzza della finta fratellanza sotto Natale e la trattativa (tafawud) giunta ad abbassare le armi proponendo apertura e, allo stesso tempo, un irremovibile richiesta di rispetto. E mentre il supplente di matematica (Francesco Bolo Rossini) si ritrova a giocare con il sadismo dell’inferiorità, sfidando il senso del ridicolo, è il Professor Ardeche stesso a confrontarsi con le mille difficoltà del menù della gita: una guerra tra religioni bella e buona.

In un’umanità, “che sarà anche pessima, ma per lo meno è umana”, il Prof accoglie sul palco tutti: Giordano Agrusta, Arianna Ancarani, Carolina Balucani, Rabii Brahim, Vittoria Corallo, Andrea Iarlori, Balkissa Maiga, Giulia Zeetti e Marouane Zotti.

L'ora di ricevimento, foto di Alessandro Botticelli MEDIA

Con lo straordinario testo-verità-del-contemporaneo di Stefano Massini e l’ottima regia di Michele Placido, che avevano già lavorato insieme ad un altro spettacolo (poi film) che raccontava la trasformazione del tessuto sociale in “7 minuti”, L’Ora di Ricevimento – Banlieue è un pugno allo stomaco, un ricordo-presagio di una sconfitta di un modello educativo borghese che non riconosce quanta profondità ci sia dietro i ragazzi ed i loro sogni insufficienti: un confronto aperto sull’abuso di potere per presunta blasfemia e abominio di fede ed il crogiuolo di sfaccettature di questa società moderna che si palesa, invisibile, tra la bellezza che insegna e la giustizia che paga sempre, mentre senza parole si chiede cos’è la vita di strada per questi ragazzi di banlieue.

 

L’Ora di Ricevimento – Banlieue al Teatro Eliseo fino al 26 marzo: martedì, giovedì, venerdì e sabato ore 20, mercoledì e domenica ore 17.

http://www.teatroeliseo.com/

Una produzione del Teatro Stabile dell’Umbria.

Scenografia – Marco Rossi; Costumi – Andrea Cavalletto; Musiche originali – Luca D’Alberto; Voce cantante – Federica Vincenti; Luci – Simone De Angelis. Foto di Alessandro Botticelli.

di Alessandra Carrillo, all rights reserved

LA VITA DELLA BANLIEUE RACCONTATA IN CLASSE ALL’ELISEO ultima modifica: 2017-03-15T11:50:05+00:00 da Alessandra Carrillo
Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Utilizziamo cookie analitici e di profilazione di terze parti per migliorare la tua esperienza di utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi