Incarnazione

di Giulia Covelli

Incarnazione

di Giulia Covelli

Incarnazione

di Giulia Covelli
1 minuti di lettura

Incarnazione

E’ pianto raggrumito
l’inchiostro della mia penna.
Non giudicarmi, amico,
non guardarmi
come si fa a chi deve crescere
o guarire.
E’ amore
la parola che si fa carne
tra le mie mani.
E’ il mio canto
quando
non ho voce per intonare.

di Giulia Covelli, all rights reserved

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati