IN EUROPA CON FORZA ITALIA:UNA NUOVA EUROPA, UN NUOVO OCCIDENTE.

di Cecilia Bonacini

IN EUROPA CON FORZA ITALIA:UNA NUOVA EUROPA, UN NUOVO OCCIDENTE.

di Cecilia Bonacini

IN EUROPA CON FORZA ITALIA:UNA NUOVA EUROPA, UN NUOVO OCCIDENTE.

di Cecilia Bonacini
3 minuti di lettura

A meno di un mese dalle elezioni europee il centrodestra, si sta impegnando al massimo con il chiaro intento di dare del filo da torcere alla Lega, vera favorita dell’imminente tornata elettorale. Forza Italia, dal canto suo, non ha la minima intenzione di farsi mettere nuovamente da parte o di lasciare che le  “lugubri ombre del passato” riaffiorino in Italia ed in Europa.

Il messaggio lanciato in seno al Congresso nazionale del 30 marzo è stato categorico: “il centrodestra non è finito”. Sono state partorite tante idee, anche innovative dal punto vista della strategia politica, e si è ipotizzato addirittura un parziale via libera al ricambio delle figure di riferimento, attorno alle quali far coagulare i consensi, per riportare in gioco il partito.

Il processo di riorganizzazione interna, infatti, è ormai cominciato da qualche tempo, ma alla prova dei fatti non sembra aver dato i risultati che molti, anche all’interno stesso di FI, si aspettavano. Almeno con riferimento alle europee. Il voto di maggio doveva essere l’inizio di un cambiamento profondo e l’occasione per un ritorno al progetto dei padri fondatori. Poi la notizia della candidatura del Presidente Berlusconi.

Non è poi così chiaro se si tratti di rinnovamento o di un ritorno al passato.

Quel che è certo, è la volontà di una Forza Italia unita e protagonista per una Europa “diversa, alla quale popolari, liberali, conservatori, sovranisti illuminati” possano “lavorare insieme”– come dice Berlusconi in una lettera al Corriereper fronteggiare le sfide globali nell’interesse di tutti gli Europei e degli italiani stessi.

Di seguito i candidati delle liste di Forza Italia per circoscrizione.

Nordovest: Silvio Berlusconi, Lara Comi, Massimiliano Salini, Giusy Versace, Anna Lisa Baroni, Daniela Ruffino, Amir Atrous, Salvatore Barbagallo, Damiano Bormolini, Cinzia Maria Bosso, Benedetta Gaia Cosmi, Elisabetta Fatuzzo, Francesco Graglia, Massimiliano Grimaldi, Matteo Motta, Roberta Paparatto, Mauro Parolini, Maria Rosa Assunta Porta, Pietro Tararella, Claudia Toso.

Nordest: Silvio Berlusconi, Sandra Savino, Irene Maria Pivetti, Roberta Toffanin, Valentina Castaldini, Emanuele Crosato, Cristina Folchini, Ilaria Giorgetti, Paola Girolami, Anna Leso, Mario Malossini, Giuseppe Papa, Alfredo Posteraro, Matteo Tosetto, Valerio Zoggia.

Centro: Antonio Tajani, Alessandra Mussolini, Raffaella Buonsangue, Giovanni Paolo Bernini, Salvatore De Meo, Maria DiMasi, Alessandra Feduzi, Jacopo Maria Ferri, Salvatore Ladaga, Rita Pieri, Mario Razzanelli, Simone Rebichini, Anna Maria Costanza Rozzi, Olimpia Tarzia, Arianna Verucci.

Sud: Silvio Berlusconi, Barbara Matera, Lorenzo Cesa, Fulvio Martusciello, Alessandra Mussolini, Aldo Patriciello, Giorgio Magliocca, Molly Cusolo.

Isole: Silvio Berlusconi, Gabriella Giammanco, Salvatore Cicu, Gabriella Greco, Giuseppe Milazzo, Giorgia Iacolino, Saverio Romano, Dafne Musolino.

Berlusconi, designato quale grande protagonista della campagna elettorale, non è stato tuttavia presente alla presentazione delle liste dei candidati tenutasi in data 30 aprile a Villa Gernetto (Monza Brianza) a causa di un improvviso ricovero. Non si sa ancora se il Presidente sarà nelle condizioni di portare avanti in prima persona il suo progetto per l’Europa o dovrà delegare ai suoi la realizzazione del suo programma politico.

Esso prevede un rafforzamento dei poteri del Parlamento Europeo, la fusione di politica estera e di difesa degli Stati membri, la formazione di un fronte comune con Usa e Russia per contrastare l’espansione della Cina, supporto a giovani e imprese e tutela del Made in Italy, politica commerciale e controllo degli investimenti esteri, la semplificazione dell’accesso ai fondi UE, una riforma della BCE (sul modello della Federal Reserve degli Stati Uniti) e l’armonizzazione fiscale oltre che l’attenzione al rispetto dell’ambiente. L’Italia, per gli azzurri, dovrebbe andare a ricoprire il ruolo di capofila dei paesi del Mediterraneo anche nel contrasto dell’immigrazione irregolare, nella sicurezza comune e nella lotta al terrorismo: si propone di intervenire alla radice del problema e di costruire un nuovo sistema di asilo europeo.

Anche in questa occasione è confermata la membership di Forza Italia nel Partito Popolare Europeo (EPP).

di Cecilia Bonacini, all rights reserved

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Correlati

referendum

Referendum:
le ragioni del No

18 minuti di lettura Domenica siamo chiamati ad esprimerci su temi di assoluta centralità per il futuro del sistema della giustizia italiana. Eppure, i quesiti

LEGGI TUTTO