Il magico foro della serratura di Catherinelle

di Martina Cotena

Il magico foro della serratura di Catherinelle

di Martina Cotena

Il magico foro della serratura di Catherinelle

di Martina Cotena
2 minuti di lettura

Il foro della serratura è sempre stato un elemento che ha scatenato le più meravigliose fantasie non solo dei bambini, ma anche degli adulti.
Elemento magico, ilare, ma anche inquietante e seducente, è comunque legato a quel “nonsoche” di segreto e misterioso, un portale su nuovi mondi, una finestra che spalanca le nostre anime su nuovi punti di vista e nuove fantasie.
Probabilmente è una di quelle immagini che ci s’imprime in testa quando da piccoli ci si trova a spiare mamme che nascondono pacchi regalo sopra l’armadio o fratelli che nascondono altro sotto il letto e che inconsciamente si registra nel cervello di artisti, cineasti e scrittori che continuano a riproporre quest’immagine come citazione nei nostri film o architetti paesaggisti che ricreano buchi nei giardini di Roma.

IMG_6659

Come tante piccole Alici intravediamo giardini meravigliosi in cui vorremmo tuffarci, per fuggire dal presente o per ricordare il profumo di quei fiori di quando eravamo piccoli.
Nulla è negato ad un elemento cosi evocativo, un viaggio nel passato o un escursione nel futuro, ogni possibilità è legata a questo oggetto e contemporaneamente slegata da esso e prettamente nostra. Sublime è questa esperienza evocativa e “Sublime” è anche la nuova collezione di borse Catherinelle.

IMG_6620

Presentata a giugno, la nuova collezione Autunno-Inverno 15/16 di Catrinel Marlon è dedicata non ad una donna, ma a tutte le donne: creature sognatrici e reali, semplici e sofisticate che attraversano la giornata e la città e necessitano di borse che non siano solo belle, ma anche funzionali.
Moderna ma timeless la sfilata Catherinelle è un susseguirsi di pezzi unici che cattura l’attenzione al dettaglio, ambientata in un ambiente industriale che ci immerge in una dimensione fuori dal tempo e dallo spazio.

Sublime è un viaggio che ci introduce a 25 borse che spaziano tra dimesioni grandi, piccole, reali e astratte ma sempre 100% made in Italy, connubio perfetto tra tradizione e innovazione che scivolano dai blu boreali ai verde foresta, arrivando fino a pastelli ghiacciati.
Cavallino, nabuk e nappa si lasciano accarezzare dalle pregiate sete degli interni, perché come ogni buco della serratura insegna: la porta è solo la copertura di un gioiello da scoprire.

A cura di Martina Cotena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Correlati