Il gioco dei Kayseren. Intervista

di Paolo Pugliese

Il gioco dei Kayseren. Intervista

di Paolo Pugliese

Il gioco dei Kayseren. Intervista

di Paolo Pugliese
2 minuti di lettura

Cosa vi ha spinto a creare i Kayseren? Avevate esperienze musicali pregresse oppure è il vostro esordio?

Abbiamo iniziato a suonare insieme con l’idea di proporre brani dei Pearl Jam e Eddie Vedder, non quelli tra i più noti, ma i cosiddetti “b-side” che non tutti conoscono. Pochi mesi dopo, dato che il groove tra di noi era buono, abbiamo deciso di cominciare a lavorare su pezzi inediti. I primi sono stati brani che erano rimasti per così dire nel cassetto dopo lo scioglimento di formazioni precedenti. Infatti io (Filippo) e Alex abbiamo suonato insieme per anni in una band con altri tre nostri amici, in cui si erano prodotti due EP di brani inediti, mentre Alessandro faceva parte di un gruppo punk-rock, anche loro con un EP all’attivo.

 

Kayseren 1
Come nasce l’idea di ispirarvi ad Alice nel paese delle meraviglie per questo primo EP?

Tutti e tre abbiamo letto il libro di Carroll, anche se in tempi diversi, e a tutti e tre è rimasto impresso nella mente. L’opera è un portale su un altro mondo, un insieme di incontri, vengono toccate tematiche differenti, che non possono non spingere a ragionare sul nostro mondo, quello reale.
Avete in mente l’uscita di un lavoro full-lenght? Cosa potete dirci a riguardo?

Stiamo pensando di metterci al lavoro sull’arrangiamento di nuovi brani per poi tornare in studio nella prossima estate. Ad oggi non abbiamo ancora deciso se sarà un full-length o un secondo EP.

 

kayseren 2

Siete già in giro per l’Italia per promuovere l’EP, è il vostro primo tour oppure avevate già esperienza? Come vi approcciate a questa nuova dimensione del vostro sound?

Abbiamo avuto esperienze live in passato, non poche. Anche durante la primavera 2015 abbiamo portato live i nostri brani in diverse occasioni. Però, in seguito all’uscita ufficiale dell’EP, abbiamo cercato di costruire qualcosa di più pianificato possibile e di allargare il nostro raggio di azione per far conoscere la nostra musica a più pubblico di quanto siamo riusciti a fare in passato.
La dimensione live del nostro sound è un rock d’impatto, velato di stoner, con brani più grintosi e qualche ballata più intima, a tratti blues. Lo spettacolo ha come obbiettivo la nostra musica, nuda e cruda. Non eseguiamo cover e il tutto è mantenuto “vero” e “grezzo”, come vogliamo che sia.

[email protected]

 

www.facebook.com/kayseren3

 

twitter.com/kayseren3

 

www.reverbnation.com/kayseren

 

https://www.youtube.com/channel/UC6VBhS24ecxtYEKbinnSEQg

 

EP Il gioco di Regina:

kayseren3.bandcamp.com

www.soundcloud.com/kayseren

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Correlati