I FUOCHI DEL CREPUSCOLO

di Maria Rita Curcio

I FUOCHI DEL CREPUSCOLO

di Maria Rita Curcio

I FUOCHI DEL CREPUSCOLO

di Maria Rita Curcio
1 minuti di lettura

Mi hai posseduta senza avermi

e mentre la poesia abbandonava la mia vita

sono stata di questa città torbida e malvagia

perduta

fra pagine di vita che hanno curvato le mie spalle

e oscurato le mie pupille.

Io sto sola

a ricostruire sulle rovine

a ingoiare tristezza e pianto

come un fiume che solo in me

ha trovato

il suo unico sbocco al mare.

Sempre in viaggio la mia anima

e valigie sul letto

prezzo doloroso di una libertà non mia:

andate o amati

andate lontano da me

poiché io vi amo.

Dio, dammi ancora la gioia della festa

ed i tuoi fuochi

per accendere di luce ramata

questo mio crepuscolo

perché la mia candela resti accesa

aspettando ancora amore.

Amore sublime

libera da me.

 

di Maria Rita Curcioall rights reserved 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

governo Draghi: un'ammucchiata necessaria

Ammucchiata
necessaria = Draghi

3 minuti di letturaIl governo Draghi oggi sembra un’ammucchiata, persino uscita male. Non c’è dubbio. Capisco infatti la delusione di molti. Di chi voleva discontinuità

LEGGI TUTTO