Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Cassina 9.0. alla Fondazione Feltrinelli di Milano

Lo storico marchio dei mobili di design Cassina ha identificato nell’avveniristica architettura della Fondazione Feltrinelli di Milano il luogo adatto per festeggiare l’anniversario dei suoi 90 anni di attività. E lo ha fatto in grande stile, con l’impressionante installazione Cassina 9.0.

Questo è il nome scelto per l’installazione firmata dall’architetto Patricia Urquiola, che ha celebrato l’azienda leader nell’arredamento di design in un coinvolgente inno alla esplorazione giocosa che identifica nel progresso e nell’evoluzione le risorse indispensabili per reinterpretare l’eredità storica del brand Cassina.

L’allestimento esplora contesti e ambientazioni di un futuro non troppo lontano, sperimentando forme e linguaggi che ci rapporteranno agli oggetti e agli ambienti che vivremo. Lo spunto di tutto ciò nasce dalla libera interpretazione della monografia “This Will Be The Place”, volume presentato da Cassina in occasione dell’evento.

Il libro, a cura di Felix Burrichter ed edito da Rizzoli, è suddiviso in due parti: nella prima sono state raccolte quattro interviste e un saggio a cinque professionisti di spicco del mondo dell’architettura e dell’arredamento di design che esplorano i comportamenti sociali contemporanei e il loro possibile impatto sul futuro degli interni. Nella seconda parte del libro, poi, i temi appena introdotti vengono rappresentati attraverso cinque scenari fotografici: Free Flow, Artful Living, Playground, Back To The Roots, Bed Time. E il percorso dell’installazione Cassina 9.0 ripercorre queste stesse visioni futuribili attraverso ambienti allestiti con mobili design firmati Cassina.

Ecco allora che il concetto del Free Flow, espresso nel volume dall’architetto tedesco Arno Brandlhuber, viene proposto dal vivo in un ambiente verde nel quale troneggia il grande divano-isola La Barca di Piero De Martini quale elemento di arredamento di design che invita alla condivisione; mentre il tema Back To The Roots, manifesto per il ritorno alla natura che l’architetto Zhao Yang suggerisce come risposta all’urbanizzazione selvaggia, lo si scopre in cima all’edificio dove Cassina ha ricostruito l’avveniristico Refuge Tonneau disegnato da Charlotte Perriand e Pierre Jeanneret nel 1938.

Mobili di design in una location rinnovata

Coniugare passato e presente è un’attitudine naturale che questo storico brand esprime attraverso mobili di design capaci di rispondere ai bisogni contemporanei evocando suggestioni avveniristiche. Ne è un esempio la stessa nuova collezione di arredo design presentata nel rinnovato Showroom Cassina di Milano dove emergono i concetti di fluidità dello spazio e di ibridazione delle tipologie. Inaugurato nel 1968 con un progetto di Mario Bellini, negli anni lo showroom è stato sviluppato da archistar come Vico Magistretti, Achille Castiglioni e Piero Lissoni, solo per citarne alcuni.

In occasione del 90° anniversario di Cassina, lo showroom milanese è stato rinnovato col progetto di Patricia Urquiola che, oltre a ripensare gli spazi esistenti, integra un’area al piano sotterraneo. I mobili di design della Collezione 2017 si inseriscono nella location di Cassina In-store Philosophy 3 che sottolinea la grande attenzione dell’azienda nel volere creare ambienti caldi e accoglienti che favoriscono il dialogo fra le sue icone.

In questi spazi, dove la scelta del colore e lo stile non sono dettagli ma fattori caratterizzanti, materiali come il seminato in graniglia di marmo, il legno e l’alluminio vengono accostati per creare una nuova forma d’espressione contemporanea. E si rivelano essere la cornice perfetta per sottolineare sia le novità della Collezione Cassina come il divano Floe Insel, che con i suoi volumi ampi e asimmetrici comunica comfort e sposa i principi contemporanei di flessibilità degli ambienti, sia le innovative versioni laccate rosso di elementi cult nella storia dell’arredamento design: la libreria Nuvola Rossa, disegnata 40 anni fa da Vico Magistretti, e l’iconica sedia 699 Superleggera, ideata 60 anni fa da Gio Ponti e destinata a non tramontare mai.

all rights reserved

I 90 anni di Cassina: l’arredo design è un ponte sul futuro ultima modifica: 2017-06-15T09:28:16+00:00 da Brando Amedei
Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Utilizziamo cookie analitici e di profilazione di terze parti per migliorare la tua esperienza di utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi