Hai perso qualcosa? Con Filo non perderai mai più nulla

di Fabrizio Lucati

Hai perso qualcosa? Con Filo non perderai mai più nulla

di Fabrizio Lucati

Hai perso qualcosa? Con Filo non perderai mai più nulla

di Fabrizio Lucati
3 minuti di lettura

Vi è mai capitato di essere pronti per uscire, sciarpa al collo, cappotto infilato, zaino riempito, un piede fuori dalla porta e qualcosa vi ferma, forse un istinto? Mettete la mano nella tasca, le chiavi di casa non ci sono. Vi voltate, le cercate nell’ingresso e non ci sono. Non sono nemmeno sulla vostra scrivania, in borsa o dentro il pantalone indossato il giorno prima o nella tasca di qualche altro giubbotto. Perse. Il tempo passa, si sta facendo tardi. Sotto il letto, in bagno, in cucina, tra i cuscini del divano… niente. Ancora non le trovate. Vorreste poterle chiamare, urlare come una madre chiama il figlio dalla cucina. Aprire la bocca e far uscire un “Chiavi”, ricevere dal mazzo la risposta “Siamo qui”.

Adesso si può fare.

Ho incontrato Giorgio Sadolfo, CEO e Founder di Filo Srl, una start up romana che ha creato Filo, appunto, un device non più grande di un portachiavi che, attaccato alle cose a cui tieni, ti permette di rintracciare queste, attraverso l’applicazione installata sul tuo smartphone.

Ciao Giorgio!

Ciao Fabrizio.

Partiamo dalla base, spiegami, come se fossi una pianta di ficus, che cosa è Filo?

Filo, formalmente, è definito come un piccolo oggetto elettronico, che ti consente di non perdere più ciò che per te, è importante. Comunica con il tuo smartphone, tramite la più recente tecnologia bluetooth e ti permette, tramite l’apposita app di:
• Ricavarne la posizione e perfino farlo suonare per semplificare la ricerca;
• Definire un aerea di controllo entro la quale tutti i tuoi oggetti, a cui è attaccato filo, devono rimanere;

Ok, adesso questa domanda è ovvia, che succede se non trovo lo smartphone?

Per coloro che perdono il cellulare, Filo è dotato di un pulsante, che permette di far suonare il proprio smartphone in maniera semplice e veloce.

1_EN

Come nasce “Filo”?

Non dobbiamo andare troppo indietro nel tempo, neanche un anno fa, il 19 Marzo (2014 ndr), su un campo da rugby, durante la prima giornata di InnovactionLab (un percorso formativo che aiuta gli studenti universitari a creare una vera e propria startup ndr) dove ci siamo conosciuti io, Stefania, Roberta e Lapo, di quello che da lì a qualche mese saremmo diventati i fondatori di Filo.

Fermo, mi hai appena raccontato come vi siete incontrati voi founder, non come nasce…

Nasce propriamente, in una cucina, tappezzata di postit, erano dappertutto, quadratini gialli di carta. Su quei postit, c’erano scritti problemi problemi comuni che hanno tutti, oggetti persi, animali ritrovati al parco, bambini ci si allontanano. Tutti problemi che Filo vuole risolvere.
Da lì in poi, un piano inclinato. Un’accelerazione costante. Un dinamismo senza limiti che ha portato a presentare la nostra idea di fronte a platee sempre più importati, che ha convinto noi founder ad andare “AllIn”. Abbiamo lasciato lavori stabili, siamo entrati nel programma di accelerazione di LuissEnLabs (acceleratore Romano di startup) costituire una Srl e rilasciare, finalmente, dopo lunghe notti di lavoro il prodotto sul mercato in data 27 novembre 2014, nella fase di pre-ordine.

A otto mesi dal primo incontro di voi founder?

Si. A otto mesi dal primo incontro di noi founder.

Filo, la scelta di un nome, una cosa importante per un prodotto, per cosa sta?

In tanti pensano che Filo venga dalla parola greca che significa “amico”, niente di così elevato. Semplicemente abbiamo troncato la nostra tag line: Find & Locate.

Bhè, la versione dal greco era molto più sofisticata.

E anche corretta, filo è un amico. Un amico fedele che ti consente di avere tutto sotto controllo. Ti dà la possibilità che tutti noi sempre cercavamo: la sicurezza necessaria in un mondo sempre caotico. Filo è relax!

Un’ultima domanda. Quanto costa Filo?

Un Filo singolo costa solo 19,90 euro a prezzo di lancio speciale sul nostro sito (http://www.filotrack.com/shop/).

Intervista a cura di Fabrizio Lucati.

Visita il sito internet di FILO e resta sempre aggiornato seguendo la Startup sulla pagina facebook di FILO.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati