GRAZIE PER IL MIO PRIMO SORSO DI-VINO…

di Fabrizio Spaolonzi

GRAZIE PER IL MIO PRIMO SORSO DI-VINO…

di Fabrizio Spaolonzi

GRAZIE PER IL MIO PRIMO SORSO DI-VINO…

di Fabrizio Spaolonzi
1 minuti di lettura

Grazie per il mio primo sorso di-vino

Non farò nomi, non dirò di date luoghi o persone, ma non posso esimermi dall’esprimere un ricordo. Un ricordo che tengo per me, ma che voglio anche condividere, per farlo restare più a lungo negli anni.

Ha ammainato le vele il mio Maestro di-vino. Con lui ho imparato ad aprire (in maniera appropriata!) le mie prime bottiglie, distinguere un vino buono da uno con cui «farsi uno shampoo», servire, sentire, capire un po’ di vino. Il mio primo educatore, insomma, nel mondo del nettare degli dei. La mia prima guida al mondo delle vigne e della terra.

Ti regalo tanti pensieri, tengo con me i ricordi e ti saluto. Non scrivo troppo perché non ti sarebbe piaciuto, ma ti ringrazio, come non ho mai fatto, per quello che, forse inconsapevolmente, mi hai insegnato. Arrivederci per un altro brindisi, in collina o in riva al mare.

di Fabrizio Spaolonzi, all rights reserved

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Correlati