Gòlgota

di Giulia Covelli

Gòlgota

di Giulia Covelli

Gòlgota

di Giulia Covelli
1 minuti di lettura
Gòlgota
Quante volte,
Morte,
mi hai chiesto la vita
da quando ho scelto di guardarti?
Quante volte,
mi hai spezzato
il fiato e le ginocchia,
lasciato
nel dolore muto.
Hai ferito
la verginità della mia mente,
la purezza della mia carne.
Ti ho accolta
nel mio corpo
fino a lasciarmi ingravidare.
Ho partorito
Luce.

di Giulia Covelli, all rights reserved

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Correlati

referendum

Referendum:
le ragioni del No

18 minuti di letturaDomenica siamo chiamati ad esprimerci su temi di assoluta centralità per il futuro del sistema della giustizia italiana. Eppure, i quesiti introdotti

LEGGI TUTTO

La Sicilia secondo Camilleri

5 minuti di letturaLa Sicilia secondo Camilleri. Capace di scrivere nel suo studiolo freneticamente e per molte ore di seguito, generoso come pochi altri “maestri”

LEGGI TUTTO