Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

-Siamo tutti schifosamente umani!- e per questo fragili.

Due anni fa, al Teatro della Cooperativa di Milano, Giulio Cavalli presentava il suo spettacolo teatrale L’amico degli eroi- Parole, opere e omissioni di Marcello Dell’Utri-.

Si parlava di mafie, di corruzione, di una politica inquinata e travestita, e della fragilità di un’antimafia che per farsi scudo si barrica dentro sé stessa.

Oggi, dentro una politica prepotente e volgare, non più di affaristi ma di circensi, si torna a massacrare le buone intenzioni di uomini giusti (la storia di Mimmo Lucano ne è un esempio triste), a forza di propaganda e fake news.

Allora mi sono messa a pensare a Giulio Cavalli, alla nostra intervista. Perché la degenerazione incomincia con il proliferarsi di una cultura artificiale che si allontana dalla radice. E lui, che entra dentro le cose, è l’essenza di una cultura che non si barrica ma cerca insistentemente la verità. Dentro le parole, le opere, e le omissioni.

E noi c’abbiamo un disperato bisogno di verità.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

di Natalina Rossi, all rights reserved

Giulio Cavalli e la ricerca della verità ultima modifica: 2018-10-19T12:42:51+00:00 da Natalina Rossi

Utilizziamo cookie analitici e di profilazione di terze parti per migliorare la tua esperienza di utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi