Giallo

di Redazione The Freak

Giallo

di Redazione The Freak

Giallo

di Redazione The Freak
3 minuti di lettura

Giallo. Il giallo di campi sconfinati fu la prima cosa che vide, all’alba di quella nuova era. Dalla collina che sovrastava quel mondo nuovo poteva vedere il grano splendere contro il cielo. E a sud i frutteti del regno che presto sarebbe stato suo. Olivi, meli e vigne senza fine, che avrebbero prodotto sapori delicati, degni di banchetti solo immaginati dai comuni mortali. Sulla collina il Grande Albero degli Antenati sembrava sprigionare colori saturi di vita su quella distesa. Già  all’alba il sole bagnava tale abbondanza, tanto era vasta la piana che si offriva alla sua contemplazione. A nord si scorgevano i giganteschi massicci, così alti da essere ancora innevati all’arrivo della primavera degli uomini. Il tempo era fermo. Il sole già  caldo. Il mondo sotto di lui gli sembrava piccolo, i suoi occhi potevano vedere fin dove i piedi potevano arrivare, un limite oltre il quale giace un inutile caos. Alle spalle, la dimora dietro cui il sole sarebbe tramontato infinite volte, per risorgere ancora su quel mondo dorato, e verde, e azzurro. Al suo fianco, apparve la figura maestosa è che tutto avrebbe potuto.

“Padre, cosa vedo?”

“Tutto quello che c’è.”

“Cosa c’è oltre?”

“Nulla, perché qui che noi abbiamo il potere.”

“Quale potere?”

“Il potere di creare la vita, e di ricrearla ancora.”

“Perché noi, Padre?”

“Perché tutto quello che vedi è mio, e sarà  tuo come è stato di mio Padre.”

Una leggera brezza arrivò, senza svelare la sua direzione. Come un’onda scosse le spighe, una alla volta, poi sfiorò le foglie degli alberi, poi la sua guancia. In un solo momento gli diede il sollievo che cercava, e contemporaneamente gli ricordò quanto presto sarebbe passata. Quell’alito di vento lo fece alzare in volo e percorrere tutta la distesa, in un attimo, fino ai confini e ritorno, a sbirciare quel nulla che giace oltre il grano, al di là dei frutteti. Solo la voce profonda del Padre lo distolse.

“Sei pronto?”

“Per cosa?”

“È domani.”

L’indomani quel mondo sarebbe finito. Quel cosmo su cui padre e figlio avevano il potere sarebbe stato cambiato. Lui lo sapeva, perché proprio a lui sarebbe toccato squassare quella perfezione, quella dolcezza, che una spiga di grano e un albero di mele possiedono senza saperlo. Si chiese ancora il perché, questa volta senza esprimerlo. Si chiese perché chi crea distrugge, per poi ricreare. Perché la vita era vita e poi morte e poi ancora vita. Sarebbe stato così bello tornare l’ndomani e vedere ancora quella pace, quella stabilità, disturbata solo da una brezza innocente di tanto in tanto.

“Abbiamo creato questo per distruggerlo?”

“Sì. E per ricrearlo ancora e distruggerlo di nuovo.”

“Sembra perfetto così com’è, Padre.”

“È per questo che lo distruggiamo.”

Il Padre si allontanò, come a comprendere il bisogno del figlio di restare da solo. Quando le spighe smisero di riverire il passaggio del Padre, il figlio si sentì di nuovo in pace. Salì sul Grande Albero, per rimanere a guardare il suo mondo ancora un po’, prima di condannarlo lui stesso a quel cambiamento ciclico che suo Padre gli aveva spiegato tante volte. Lentamente scese la notte, e lui tornò nelle sue stanze, pronto e cosciente di ciò che il suo potere avrebbe compiuto l’indomani.

Ancora il sole raggirò il tempo e, prima ancora che potesse tornare sul suo futuro regno, un suono lo svegliò. Una figura imponente si stagliava davanti a lui, con alle spalle la luce quasi cieca di un’aurora che si arrampicava dietro l’orizzonte. Nella mano una falce, poggiata a terra.

“Padre, sei tu? È giàà ora?”

“Sì. Prendi la zappa.”

Racconto inedito di Alessandro Magliozzi. All rights reserved

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

7 risposte

  1. Molto bello. Complimenti. Riesci a rendermi partecipe del racconto e a trasmettermi le sensazioni facendomi immaginare la scena come di un film.

  2. L’uso che fai sia della metafora del regno, sia del termine Padre, sia dei vari simbolismi impliciti, regala alla conclusione così naturale e quotidiana il beneficio di una sorpresa enorme. Finchè non la collochi all’ultima riga, la vicenda potrebbe essere tutto, racconto di creazione, metafora del cristiano, o semplicemente dell’uomo (mi è perfino venuto in mente che i protagonisti potessero essere le stagioni personificate). E poi, in un lampo,(con un ultimo brivido, dato dalla presenza della falce, che tanto significato simbolico possiede) si rivela la verità del quotidiano, che è la manifestazione più immediata, tangibile e bella di tutte quelle cose universali pensate prima. Davvero, bello bellissimo 😀

  3. Bel racconto e ben scritto 😉
    Mi sono piaciuti in particolare i dialoghi e… sai che a un certo punto mi è venuto in mente il Re Leone? La scena in cui Simba viene presentato ufficialmente sulla Rupe.
    🙂
    Ciao!

  4. Veramente bello. Il tuo talento è eccezionale. Il tuo modo di scrivere permette a chi legge di immergersi nel mondo che descrivi. La cosa che però più mi colpisce dei tuoi racconti e che quando inizi a leggerlo, non si può fare a meno di arrivare alla fine; e la fine è sempre uno spettacolo.

  5. Pensavo alle diverse implicazioni metafisiche mentre mi tuffavo in quel giallo oro ammaliante… poi il risveglio agricolo! Davvero eccellente!
    Scrivi benissimo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

governo Draghi: un'ammucchiata necessaria

Ammucchiata
necessaria = Draghi

3 minuti di letturaIl governo Draghi oggi sembra un’ammucchiata, persino uscita male. Non c’è dubbio. Capisco infatti la delusione di molti. Di chi voleva discontinuità

LEGGI TUTTO