Ettore Sottsass, Scritto di notte

di Elisa Russo

Ettore Sottsass, Scritto di notte

di Elisa Russo

Ettore Sottsass, Scritto di notte

di Elisa Russo
2 minuti di lettura

Ettore Sottsass è stato un architetto e designer italiano la cui attività – legata inizialmente al marchio storico dell’industria italiana Olivetti, quindi allo Studio Alchymia e al gruppo Memphis – introdusse nel mercato e nella vita quotidiana degli italiani alcuni prodotti destinati a diventare oggetti di culto per la bellezza del design, la qualità tecnologica e l’eccellenza funzionale.

Nella sua autobiografia pensata come testamento all’inizio degli anni Duemila dichiara: «Nella mia esistenza tutto è sempre stato vago. Qualche volta ho creduto di no ma poi è venuto fuori che ero stato vago, che non sapevo bene che cosa mi stava succedendo o che cosa io stavo facendo succedere. Per il mio destino come architetto non c’erano dubbi. Non dubitava mio padre e non dubitavo io (…)»

sottsass

Nato nel 1917, quest’anno si celebra il centenario della sua nascita e le iniziative dedicate a raccontare la sua storia, la sua instancabile attività e ricerca si sono alternate da Milano a Venezia: il FAI in collaborazione con lo studio Charles Zana ha presentato presso il Negozio Olivetti di Venezia – disegnato da un altro Maestro dell’architettura, Carlo Scarpa – Dialogo, una mostra che documenta la produzione ceramica dell’architetto fra il 1957 ed il 1969 con settanta opere in mostra tra vasi, piatti e menhir.

 

Presso Le Stanze del Vetro sull’Isola di San Giorgio Maggiore a Venezia la mostra Ettore Sottsass: il vetro curata da Luca Massimo Barbero, direttore dell’Istituto di Storia dell’Arte della Fondazione Giorgio Cini, espone oltre duecento tra disegni e pezzi realizzati fra il 1947 e il 2007, in la collaborazione con le più importanti vetrerie italiane ed internazionali.

La Triennale di Milano, dedica all’architetto una mostra monografica accompagnata da un libro e da un catalogo. Il titolo della mostra e del libro è There is a Planet, un progetto di Sottsass iniziato negli anni ’90 ma mai realizzato.

 

Il Vitra Schaudepot della città tedesca gli dedica la rassegna Weil am Rhein e il Met Breuer di New York celebra l’architetto con Ettore Sottsass: Design Radical, una mostra che contrappone le creazioni dell’architetto e designer con le opere degli artisti da lui ammirati (Kandinskij, Klee, Mondrian, Gio Ponti e Fornasetti) e con oggetti dalle collezioni del museo newyorkese.

Ma per chi avesse voglia di intraprendere una conversazione più intima con l’architetto, Scritto di Notte, l’autobiografia pubblicata da Adelphi, è il testo che include episodi d’infanzia e racconti legati a grandi nomi e personaggi che hanno fatto la storia.

Gli incontri con Gianni Agnelli, Roberto Olivetti, Gio Ponti e Hemingway si alternano alle storie di vita quotidiana con il padre e la moglie Fernanda Pivano, contribuendo a definire il ritratto di un uomo che si definiva «amico della gente incerta, perplessa, modesta che cerca di capire e che sempre è nello stato d’animo di uno che non ha capito. Sono amico della gente che ha paura.».

 

di Elisa Russo, all rights reserved

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati