Estate in città

di Francesca Masucci

Estate in città

di Francesca Masucci

Estate in città

di Francesca Masucci
1 minuti di lettura

Come sappiamo tutti l’estate è arrivata e il caldo afoso inizia a perseguitarci. Sono d’accordo con voi l’afa in città è davvero insopportabile. Siamo giustificate in tutto, persino a portare gli short in città, ad eccezione degli short-mutande, proprio perchè alcuni giorni le città si trasformano in veri e propri deserti. Il problema però sta nel non confondere la catrame con la sabbia, le fontane con l’acqua cristallina. In pratica attenzione a non confondere la città con il mare. Ecco allora una guida semplice ed essenziale per non cadere in errore.

In primis è da evitare il vestito pareo. Sia che si tratti di vestito pareo o di pareo questo, come ogni indumento è adatto nel suo habitat. Quindi solo sulla spiaggia.
In secondo luogo, va benissimo mettere in mostra il proprio fisico soprattutto dopo un interno anno chiusi in palestra, ma dico no alla pancia allo scoperto in città.
Il bikini, non è una maglia ne tanto meno un sostituto di questa. Quindi sia che si tratta di concerto sia che le temperature salgono sopra ogni limite sopra il bikini si indossa qualcosa.


Non esagerate con i vestiti corti. Le maglie che indossavate in primavera sui leggins sono maglie…Ricordatelo bene. Meglio in questo caso mettere uno di quei vestiti lunghi freschi che quest’estate vanno tanto di moda.
In ultimo no al tacco 12 di mattina. Fa caldo, troppo..chi ve lo fa fare??
Il caldo è meglio scongiurarlo con vestiti dai tessuti più leggeri. Quindi si a tessuti naturali no a tessuti sintetici.
Ultima ma non meno importante regola, se mostrate i piedi ricordate che la pedicure deve essere perfetta, in caso contrario via libera alle ballerine.


Semplici regole da seguire per evitare grossi scivoloni., per il resto viva l’estate!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati

rave party

Rave party, inutile un nuovo reato

8 minuti di letturaSono sicuramente diversi i profili di criticità che solleva la nuova fattispecie incriminatrice, introdotta con il D.L. n. 162/2022, (art. 5) denominata Invasione

LEGGI TUTTO