È giusto che lo sia

di Francesco Barone

È giusto che lo sia

di Francesco Barone

È giusto che lo sia

di Francesco Barone

È giusto che lo sia

Più o meno come la pioggia

E quella era la spia

Come i raggi che il sole sfoggia.

 

Tic, tuc, tac

La pioggia e solo un frac

Solitario vaga dritto

Dentro quel locale sfitto.

 

Troppo vasto per un uomo

Troppo mero per due cuori

Nella mente come un tuono

Si districan due umori.

 

Shhh, praparà

È giusta quella o questa qua?

Da sempre s’odian le domande

E in proporzion quella più grande.

 

Quel che si ha o quel che si è (?)

In compagnia nulla si nota

Di parvenza solo il clichet

E la tua storia è bell’e nota.

 

Stum, pum param

Siamo quelli che sembriam

Falsi e ipocriti non ce n’è

Al di fuori del proprio se.

 

Esser giusto o egoista

Svelto viaggia il suo pensiero

Attenzione non è una svista

Vorrei anch’io essere vero.

 

Di Francesco Barone

All rights reserved

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati