DON- VERA PIZZA FRITTA NAPOLETANA: A ROMA SI FRIGGE IL BUON GUSTO

di Sara Verrillo

DON- VERA PIZZA FRITTA NAPOLETANA: A ROMA SI FRIGGE IL BUON GUSTO

di Sara Verrillo

DON- VERA PIZZA FRITTA NAPOLETANA: A ROMA SI FRIGGE IL BUON GUSTO

di Sara Verrillo
2 minuti di lettura

DON- vera pizza fritta napoletana, in via San Francesco a Ripa 103, ha compiuto un anno e per l’occasione abbiamo festeggiato con un pizza fritta party.

don pizza

DON è il primo locale specializzato nella preparazione della pizza fritta a Roma, il locale ha una grande vetrata dalla quale si può osservare la preparazione sul grande pianale di marmo con al centro il pentolone della frittura. Il colore dominante all’interno è uno splendido bianco che si abbina piacevolmente con il color legno dei tavolini e degli sgabelli dove ci si può sedere e gustare la pizza fritta, che rendono l’ambiente rustico e piacevole.

don pizza

Io e le mie colleghe bloggers ci siamo cimentate nella preparazione e degustazione della famosa pizza fritta della cucina partenopea. La pizza fritta nasce nei quartieri “bassi” tra i vicoli della bella Napoli, tipico cibo da strada è preparato con lo stesso impasto della pizza, e ciò che la differenzia è la cottura.

È fritta in larghi pentoloni chiamati “foconi” ed ha la forma di una mezzaluna detta sorriso o una forma tondeggiante, nel menù di DON la troverete sotto il nome “Montanara”.

don pizza

Sotto la supervisione del maestro Maurizio Iannicielli, napoletano DOC, membro e docente dell’A.P.N. (associazione pizzaioli napoletani) nonché ideatore delle ricette di DON abbiamo assaggiato e preparato tutte le pizze fritte del menù che portano i nomi degli storici quartieri di Napoli.

Menù
Menù

L’impasto lievita per circa venti ore è preparato con la famosa farina “Caputo” tipo 00 e una percentuale di farina manitoba, il lievito utilizzato è quello di birra e credetemi il risultato è semplicemente strepitoso!

Dopo la lunga lievitazione, l’impasto viene separato in panetti e lasciato riposare, viene poi steso e farcito con ingredienti selezionati e di qualità come il buonissimo San Marzano DOP, la famosa mozzarella di bufala campana DOP del caseificio Barlotti di Paestum, i ciccioli di maiale ed ancora friarielli, salsiccia, scarola, salame napoletano, provola, ricotta e chi più ne ha più ne metta.

Preparazione "Spaccanapoli"
Preparazione “Spaccanapoli”

Una volta farcito l’impasto è chiuso a mezzaluna come un sorriso e fritto nell’olio di arachidi, l’impasto in pochi secondi si gonfia assumendo la tipica doratura del fritto che è un piacere per gli occhi e puro godimento per il palato.

don pizza

Io ho deciso di preparare un sorriso con gli ingredienti che amo e che mi ricordano le mie origini campane, ricotta, mozzarella, pomodoro e basilico, un classico!

 La mia pizza fritta
La mia pizza fritta

Tra le novità del menù di DON c’è “La Cetara” con provola, pomodorino giallo, basilico e alici di Cetara una vera bontà che racchiude tutto il sapore del mare.

La Cetara
La Cetara

Buon weekend freakers e correte da DON che l’oro di Napoli vi aspetta!

di Sara Verrillo, all rights reserved 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli Correlati