Disconnect – Cosa si cela dietro il web

di Ilaria Pocaforza

Disconnect – Cosa si cela dietro il web

di Ilaria Pocaforza

Disconnect – Cosa si cela dietro il web

di Ilaria Pocaforza
3 minuti di lettura

Disconnect è un film drammatico di Henry Alex Rubin nel quale si intrecciano storie aventi come fil rouge il rapporto che tutti abbiamo con Internet, in particolare con le chat e i social network.

Un adolescente particolarmente introverso è vittima di cyberbullismo e, scosso dalla vergogna di una sua foto pubblicata su facebook, tenta il suicidio; una coppia in crisi a causa della perdita del proprio figlio scopre che qualcuno ha clonato le loro carte di credito; un investigatore privato, vedovo ed ex poliziotto, scopre che suo figlio e il suo migliore amico sono gli autori del cyberbullismo nei confronti di un loro compagno di scuola; infine, un ragazzo che si prostituisce su chat per adulti viene contattato da una giornalista interessata alla sua storia la quale si affeziona a lui.

Il cast è sicuramente all’altezza della trama: da ricordare le interpretazioni di Jonah Bobo, adolescente senza amici, incompreso dalla famiglia e particolarmente fragile; Alexander Skarsgård, ex soldato ancora chiuso in un’«armatura» dalla quale non riesce a tirar fuori il dolore che prova per la perdita del figlio neonato.

La tematica che viene affrontata in Disconnect è molto attuale e riguarda noi tutti da vicino: la solitudine, l’incomunicabilità del singolo che regna nella società di oggi causata dal mondo virtuale, erroneamente percepita invece come condivisione, amplificazione di emozioni, di amicizie e di rapporti umani. Il mondo che si cela dietro lo schermo di un computer o quello di un cellulare entra dentro di noi, insieme alle storie di questi personaggi così reali e vicini. Si esce dalla sala e si riaccende il cellulare con una nuova consapevolezza, magari data per scontata fino a due ore prima: non solo quella di essere sempre e dovunque rintracciabili, ma anche di possedere un enorme potere del quale possiamo facilmente però essere vittime.

Importante è anche la tematica del bullismo che purtroppo diventa 2.0 e i soprusi, le prepotenze e i maltrattamenti finiscono in rete, accessibili a chiunque, memoria indelebile, vergogna incancellabile.

Inoltre il film punta il dito sui sempre più difficili rapporti tra genitori e figli: generazioni che non comunicano, non condividono davvero le emozioni perché il web e le tecnologie trascendono ormai il mondo virtuale ed entrano violentemente a far parte di quello reale, impedendo ogni possibilità di dialogo. Emblematica la scena nella quale la famiglia Boyd, riunita a tavola, non riesce a creare una conversazione: la madre e la figlia fanno discorsi vuoti, mentre sia il padre che il figlio sono davanti al cellulare, entrambi assorti nel mondo della tecnologia che assorbe e fagocita la realtà.

Disconnect è un film che potrebbe essere un documentario sull’era di Internet, dei social network, delle piazze virtuali, delle bacheche globali. È una  pellicola che non scaglia pietre né dà giudizi, ma si limita a collocare il web tra i mezzi di comunicazione della società contemporanea, lasciando però che nella nostra testa risuoni una frase: «Temo il giorno in cui la tecnologia andrà oltre la nostra umanità: il mondo sarà popolato allora da una generazione di idioti» (Albert Einstein).

 di Ilaria Pocaforza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Correlati

Ucraina, la Russia
perde terreno

5 minuti di letturaDopo diverse settimane relativamente tranquille, sul fronte ucraino la guerra di logoramento ha nuovamente lasciato il posto ad azioni di particolare intensità

LEGGI TUTTO