Cordoni d’addio

di Bruna Piacentino

Cordoni d’addio

di Bruna Piacentino

Cordoni d’addio

di Bruna Piacentino
1 minuti di lettura

Come una madre in grembo di legno,
di sogni e visioni
d’incanto entusiasta, vite da scrivere
così ti ricordo:
dietro alte colline e sommi pilastri, stelle polari
nelle notti di panico.

Ai seni avvinghiato
l’anelito giovane e frutto immaturo
illusi pianti di gioia
e corse nei viali,
così mi svezzi al mondo,
saggia mi lasci,
sciogli le tempie, più tiepide le arterie del cuore.

Taglio quel poco che ancora
inspiegabilmente a te mi lega.
Vado e mordo il mondo.
Un giorno, magari, ritorno.

di Bruna Piacentino, all rights reserved

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Correlati

referendum

Referendum:
le ragioni del No

18 minuti di letturaDomenica siamo chiamati ad esprimerci su temi di assoluta centralità per il futuro del sistema della giustizia italiana. Eppure, i quesiti introdotti

LEGGI TUTTO