Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Come vivrò

Adesso che tutto è definito

la mia vita mi sfugge

E cerco, frugo, rovisto.

Dal fondo di cassetti ignorati

emergono doloranti brandelli di ricordi

insieme a carte che narrano

le nostre storie

alle foto che mi graffiano l’anima.

Odori.

Polvere.

Indumenti intrisi di me

di te

di chi non c’è più.

Metto in salvo

poiché nulla va dimenticato.

E guardo avanti

dominando la vertigine che mi

provoca chiudere questa porta

custodendo nel mio cuore

come gioiello prezioso

in uno scrigno

la mia mamma bambina.

 

 

E vivrò

come giunco

dalle profonde radici.

 

di Maria Rita Curcio All rights reserved

Come vivrò ultima modifica: 2013-05-31T10:00:34+00:00 da Rita Curcio

Utilizziamo cookie analitici e di profilazione di terze parti per migliorare la tua esperienza di utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi