COME TE

di Francesca Ruccolo

COME TE

di Francesca Ruccolo

COME TE

di Francesca Ruccolo
1 minuti di lettura

COME TE
Mi sveglio ancora con le paure che graffiano i polsi e lasciano segni, mi sveglio ancora con il sapore di cenere, mi sveglio ancora.
Sono come te,
alcune notti sono piena,
altre a metà
e altre ancora quasi non ci sono lasciando spazio all’oscurità
e a quei corpi tremolanti e muti come cristalli di sale nelle mie lacrime.
Sono sempre stata bene al buio perché lì il niente diventa il tutto, il mio rabbioso delirio muore di inedia
e noi diventiamo ciò che fingiamo di essere.
Ma stanotte amore ho seguito incespicando i tuoi fuochi
e mi sono guardata allo specchio.
Non ho saputo riconoscere nessuna delle mie tante facce:
sono tutte di vetro, fragili,
pallide e rovinate come i nostri destini.

di Francesca Ruccolo, all rights reserved

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Correlati

referendum

Referendum:
le ragioni del No

18 minuti di letturaDomenica siamo chiamati ad esprimerci su temi di assoluta centralità per il futuro del sistema della giustizia italiana. Eppure, i quesiti introdotti

LEGGI TUTTO